Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2011

Il mistero di Ustica

Arte svelata. Il San Ladislao di Simone Martini e altri capolavori del Museo Civico di Altomonte a Cosenza dal primo luglio

ARTE SVELATA Il San Ladislao di Simone Martini e altri capolavori del Museo Civico di Altomonte Cosenza – Palazzo Arnone 1 luglio 2011 – 31 luglio 2011 Inaugurazione: 30 giugno 2011 – ore 19.00

Archeeologia. I cianquat'anni del ritrovamento del Bos primigenius nella grotta del Romito a Papasidero

Clicca sull'immagine per ingrandire e leggere

Il Pittore Raffaele Aloisio (Aiello, giugno 1800 - ?), uno degli artisti di successo dell'Ottocento calabrese. Sue opere conservate in molte chiese della regione

Arte svelata. Una mostra a Cosenza con il San Ladislao di Simone Martini

Lunedì 27 giugno prossimo, alle ore 11.00, a Cosenza, Palazzo Arnone, Sala delle Udienze, sarà presentata la mostra Arte svelata - Il San Ladislao di Simone Martini e altri capolavori del Museo Civico di Altomonte, a cura di Fabio De Chirico, soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria. L’esposizione, aperta al pubblico dal 1 al 31 luglio 2011, consentirà di ammirare alcuni capolavori provenienti dal Museo Civico di Altomonte (Cosenza) di proprietà del Fondo Edifici di Culto (F.E.C.): il San Ladislao di Simone Martini; i due dipinti su tavola di Bernardo Daddi raffiguranti San Giovanni Battista con Santa Maddalena e Sant’Agostino con San Giacomo; la Madonna delle Pere di Paolo di Ciacio; l’altarolo con storie della Passione di Cristo e le due tavolette in alabastro, attribuite a maestranze francesi.

Nasce il Circolo della Stampa di Cosenza intitolato a Maria Rosaria Sessa. Inaugurazione venerdì 24 giugno con i vertici nazionale e regionale dell'Ordine

«Ce l’eravamo fissato tra gli obiettivi primari da raggiungere fin dall’atto della costituzione dell’associazione, nel 2004. Tra i molteplici impegni affrontati, abbiamo impiegato sette anni per realizzare il nostro piccolo sogno, ma ci siamo riusciti. Finalmente la città di Cosenza ha il suo Circolo della Stampa». Gregorio Corigliano, presidente del neonato Circolo della Stampa di Cosenza, insieme all’attuale direttivo, davanti al notaio Stanislao Amato, ha firmato la modifica della ragione sociale di quella che, fino alla settimana scorsa, è stata l’associazione dei giornalisti cosentini “Maria Rosaria Sessa”. E dopodomani, Venerdì 24 Giugno, alle 10,30, nella sede della stazione ferroviaria di Vaglio Lise, il Circolo della Stampa verrà presentato alla città, con la partecipazione dei vertici dell’Ordine dei giornalisti italiani.

Dimenticati di Stato

Qui di seguito, pubblicato in data 22 giugno 2011 su Il Quotidiano della Calabria, a pag. 50, un articolo che tratta dei Dimenticati di Stato, dispersi, soldati, civili, morti nei campi di concentramento del terzo Reich che riposano tuttora in cimiteri stranieri.  In coda all'articolo, i link agli elenchi di questi "Dimenticati", elaborati da Roberto Zamboni, relativi alle 5 province calabresi; ed un altro articolo di Alessandra Ianni, pubblicato su Parola di Vita del 16 giugno scorso, sul soldato Luca Longo (Serra D'Aiello 8.02.1914 - 18.12.1943), attualmente sepolto ad Amburgo (Germania) nel Cimitero Militare Italiano d'Onore.
AGGIORNAMENTO DEL 18 LUGLIO 2011 - A far data da oggi, come comunica Roberto Zamboni, è possibile accedere alla consultazione degli elenchi dei Caduti sepolti nei Cimiteri militari italiani direttamente dal sito DIMENTICATI DI STATO. Mancano alla pubblicazione ancora 33 province (su un totale di 110) che saranno inserite appena possibile.
Qu…

Il Premio Viareggio, sezione giornalistica, a Palmi

di Gaetanina Sicari Ruffo Si è saputo del divorzio sorto a Viareggio tra la presidente Bettarini e l'amministrazione comunale della città in merito al glorioso premio istituito quarant'anni fa da Leonida Repaci ed in crisi d'autonomia. Bene ha fatto il Consiglio regionale della Calabria a proporsi come sostenitore e finanziatore per mantenerne in piedi la struttura. Le sue vicende ed i numerosi successi, da molti anni a questa parte, sono lì a testimoniarne la storia che è parte considerevole della cultura italiana. Le altre tre sezioni restano con il consenso di tutti i giurati a Viareggio per confermarne la valenza. L'edizione fiorentina del Corriere della Sera dello scorso 30 maggio riportava la notizia dell'incontro per selezionare le opere e per confermare la linea già scelta. E' un ottimo avvio.

E la chiamano estate... questa estate senza di te

E la chiamano estate. Mi sono alzato stamattina, ed è diventato il motivo che mi è suonato dentro per tutta la giornata. La dedico, questa bella canzone cantata da Bruno Martino (scritta da Franco Califano, Bruno Martino e Laura Zanin, anno 1965), a tutti quelli che - mi viene così - non ci sono più. In questa estate... che chiamano estate...

Io firmo. Una raccolta firme per abolire il "Porcellum"

di Gaetanina Sicari Ruffo Io Firmo. Si chiama così l'appello al nuovo Referendum per l'abolizione del Porcellum di Calderoli,l'odiosa legge elettorale ingiusta e prevaricatrice della libertà di voto. Si tratta di quattro quesitiche quanto prima si potrannotrovare nelle nostre piazze perché i cittadini li sottoscrivano e respingano la loro conformazione. Riguardano: Liste bloccate(così come sono gli elettori non possono scegliere i loro candidati, quindi sono privati della loro legittima libertà di scelta); Premio di maggioranza (siffatto meccanismo attribuisce il 55% dei seggi alla lista che ottiene anche un solo voto più delle altre. Per raggiungere tale obiettivo si è obbligati a coalizioni sempre più ampie ed eterogenee che non assicurano stabilità di governo); Soglia di sbarramento (attualmente è al 2%,un invito alla frammentazione,la si vuole portare almeno al 4%); Indicazione del candidato premier (interferisce con le prerogative del Capo dello Stato che deve scegliere in…

"Perché fare rete in Calabria?". Un incontro a Diamante con don Giacomo Panizza. L'appuntamento è per martedì 14 giugno

Riceviamo e pubblichiamo  Prima che intervenisse qualche mese fa al programma-evento di Rai 3 “Vieni via con me” come ospite di Roberto Saviano, pochi conoscevano il coraggio e l’impegno di don Giacomo Panizza, prete anti-’ndrangheta la cui storia è stata raccontata davanti a milioni di italiani. Adesso la sua storia può esser letta ancora da più gente grazie al volume “Qui ho conosciuto Purgatorio Inferno e Paradiso”, scritto da Panizza insieme con il critico letterario e cinematografico Goffredo Fofi. Bresciano di origine, dal 2002 Don Giacomo Panizza è nel mirino di una delle più sanguinarie famiglie ‘ndranghetiste calabresi: in una lunga ed appassionante conversazione con Goffredo Fofi, suo amico di vecchia data e compagno in molte battaglie sociali che lo hanno visto protagonista negli ultimi trent’anni, Don Giacomo ora racconta la sua storia. Nato da una famiglia di operai, nel 1964 Giacomo ha cominciato a lavorare in fabbrica dopo aver terminato la scuola elementare: lì è entrato…

L’immunità parlamentare e il legittimo impedimento

di Franco Pedatella Quelli che sostengono oggi il ritorno all’immunità parlamentare o ignorano la storia oppure la conoscono ma fanno finta di ignorarla. Nel primo caso, in quanto ignoranti, non sono in grado di governare il Paese, anzi abusano della fiducia ricevuta dai cittadini elettori; nel secondo caso sono rei di tradimento del loro compito, che è quello di governare il Paese nell’interesse del Paese medesimo, cioè di quel complesso di abitanti-cittadini, organizzazione politica e giuridica e territorio che siamo soliti definire Stato. Mai e poi mai, infatti, i Padri Costituenti si sarebbero sognati d’introdurre nella nostra Costituzione il principio dell’immunità solo per consentire ai “politici”  di coprire i loro traffici illeciti contro lo Stato per cui lavorano ed al quale hanno solennemente giurato fedeltà.

Bello è ‘l civil servir la propria patria

di Franco Pedatella
Bello è ‘l civil servir la propria  patria: chi ‘l fa con l’arma in mano, chi con penna, o meritevol opra di scalpello o di pennello o di dolce suono
che al ciel lo spiro umano in alto levi; chi con sommessa prece che il silenzio di uman deserto rompa e all’uom dia voce; chi col pensier che arcan sentieri indaghi;

I mali della Calabria in un raro scritto di Pasolini degli anni '60

di Gaetanina Sicari Ruffo Non sono molto cambiati, restano pressoché uguali al passato i difetti della regione Calabria: immobilismo, povertà di mezzi e di risorse, lotte intestine, complessi d'inferiorità, abbandono e malgoverno. Almeno per quello che altri vedono dall'esterno. E a vedere e criticare questa volta è proprio P. P. Pasolini. Ho trovato una sua risposta ad un lettore che gli chiedeva cosa pensasse della Calabria in una raccolta di sue rubriche ai giornali, contenuta in Le belle bandiere degli Editori Riuniti del '91, con la presentazione di Tullio De Mauro. Il suo è un giudizio duro ed inflessibile che però ha un fondo di verità.

Santa Lucerna, una passeggiata tra natura e storia

GALLERIA FOTOGRAFICA

Archeologia. Alla scoperta dei misteriosi resti di Santa Lucerna

Domenica 5 giugno, con appuntamento alle ore 9:00 a Potame, inizia l'escursione storico-naturalistica al Monte Santa Lucerna, in territorio di Grimaldi, le cui alture celano ancora uno sconosciuto sito archeologico, ultimo dei tanti misteri che ancora affascinano le montagne e la storia della Calabria. La sua posizione è indiscutibilmente strategica e dominante. L'edificato si nasconde alle spalle del baluardo montuoso, spoglio cocuzzolo dell'entroterra calabrese proteso verso il mare, a discreto controllo di una larga porzione di territorio e di un vasto tratto di costa.

Eletto il Cdr del Quotidiano della Calabria. Eletti Albanese, Morcavallo, Russo, Papaleo e Andropoli - Gli auguri del sindacato dei giornalisti

CASTROLIBERO (Cosenza) – Eletto il nuovo Comitato di Redazione del “Quotidiano della Calabria”, che rimarrà in carica fino al 1° giugno 2013. Vi fanno parte: Michele Albanese, Antonio Morcavallo, Alessandro Russo, Stefania Papaleo e Renzo Andropoli. Ad eleggerlo è stata, oggi, l’assemblea dei giornalisti, riunitasi alle ore 9.30 nella sala “Sandro Tito” della redazione centrale di Castrolibero, che ha concluso le operazioni di voto alle ore 18. Dei 54 giornalisti aventi diritto al voto hanno votano in 48.
Per i professionisti hanno votato 31 giornalisti su 34 con il seguente risultato: Michele Albanese 16 voti, Antonio Morcavallo 14, Alessandro Russo 14, Rosita Gangi 6, Luciana De Luca 5, Andrea Gualtieri 1, Caterina Tripodi 1, schede bianche 1.