Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

First love. Prima di tutto l'amore

di Carmelina Sicari – direttrice di Calabria Sconosciuta Febbraio è il mese dell'amore. Possiamo definirlo così non solo per via dei cioccolatini e di S. Valentino ma perché è in un certo modo consacrato a   Sylvia Plath . Sylvia Plath e la tradizione poetica anglosassone . Ricorre in febbraio l'anniversario della morte della grande poetessa statunitense Sylvia Plath e rifletto sul fatto che la sua poesia ha un che di mistico, non tanto per l'elemento metafisico, la morte, insistente, quanto per il riferimento ad un colore, il rosso, metafora del sangue. La Plath è morta suicida l'11 febbraio del 1963 a Londra, punendosi per l'abbandono del marito. Febbraio è il mese della Plath e dunque della poesia. Il presagio della morte, in qualche misura una sorta di corteggiamento della stessa, è contenuto in Lady Lazarus. Confluita poi in Ariel, la raccolta postuma, la poesia ha un'intensità contagiosa. Ma il misticismo fisico della poetessa trova una prima manif

Il Partigianato Meridionale nella Resistenza piemontese

Partigianato Meridionale nella Resistenza piemontese Giovedì 23 febbraio 2017, ore 17.00  Polo del ’900, Sala didattica, Via del Carmine 14 – Torino Presentazione delle Banche dati http://www.istoreto.it/appro…/guerre-resistenza-liberazione/ » Banche dati del Partigianato piemontese e del Partigianato meridionale in Piemonte La ricerca sulla presenza dei Partigiani meridionali nella Resistenza piemontese, sostenuta dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale, è giunta alla sua conclusione. La ricerca ha prodotto una banca dati dedicata e ha permesso l’accurata revisione della Banca dati del partigianato piemontese che viene ripubblicata in una versione aggiornata, corretta e ampliata dall’inserimento dei Partigiani piemontesi che smobilitarono in Liguria e in Lombardia. Grazie a questo lavoro risultano essere 108.429 le schede individuali raccolte nella Banca dati (circa 18.000 in più rispetto al precedente Data base). I Pa

Ecce homo. Maurizio Ferraris docente di Filosofia all'Università di Torino torna a parlare di Nietzsche e del periodo torinese del filosofo

di Carmelina Sicari - Direttrice di Calabria Sconosciuta L'ho provato, ho provato l'ineffabile sensazione di comprendere dinanzi ad un'immagine. Di comprendere il senso del titolo nietzscheano Ecce homo e l'immagine era quella del Cristo alla colonna. Ineffabile dicevo. La gioia di avere compreso fino in fondo il senso che il filosofo voleva comunicarci. La fine dell'uomo, il suo crollo in una barbarie sanguinolenta, più violenta di quella dei tempi andati della fionda e dell'attacco delle belve. Mi trovavo ad Acireale per il carnevale, uno dei più celebri in terra di Sicilia. Non so come capitai in una chiesa e lì l'incontro con il busto del Cristo. Il suo volto coperto di sangue era l'icona della sofferenza. Ma c'era qualcosa di più di una semplice visualizzazione del dolore. C'era la denuncia dei persecutori, della loro ferocia, del progetto sadico per eccellenza di voler togliere dignità a chi era in loro balia. Tutto questo denunci

"In punta d'ago" di Caterina Pontrandolfo, edito da ilfilorosso. Presentazione a Cosenza il 17 febbraio

Presentazione del volume In punta d’ago di Caterina Pontrandolfo Venerdì 17 febbraio ore 18:00 Libreria Mondadori, Piazza 11 Settembre, Cosenza Venerdì 17 febbraio, alle 18:00, presso la libreria Mondadori di Cosenza, verrà presentato il volume “In punta d’ago” (ilfilorosso editore, 2016) di Caterina Pontrandolfo, vincitore del Premio “F. Graziano” 2016 (Sezione – Raccolta poetica inedita). A dialogare con l’autrice ci saranno Luigina Guarasci, direttore de ilfilorosso, Pino Sassano, insegnante e attivo promotore culturale. Nel corso della serata l’autrice reciterà i suoi versi e canterà testi della tradizione popolare lucana.  Alcune note sull’opera In punta d’ago “Caterina Pontrandolfo ha l’aria di una donna antica. La sua lontananza dalla peste dell’attualità la rende una creatura preziosa. Caterina non appartiene alla pletora degli artisti per gioco o per noia. Nella sua vita tutto è pacatamente necessario. La sua è una serietà lucana, ma sgravata da po

Turismo. Giornata internazionale della guida turistica 2017, le iniziativa in Calabria

L'AGTC, Associazione Guide Turistiche della Calabria, in occasione della XXVIII Giornata Internazionale della Guida Turistica , istituita dalla WFTGA e promossa in Italia dalla ANGT, organizza visite guidate gratuite tra borghi e chiese di Calabria.  Quest'anno le Guide abilitate dell'AGTC, vi condurranno nei borghi di Vibo Valentia, Lungro e San Marco Argentano nei giorni 18 e 19 febbraio 2017 . P er una migliore organizzazione - fanno sapere gli organizzatori -, occorre confermare telefonicamente l a propria partecipazione prenotando ai seguenti numeri di telefono: Vibo Valentia, Liane 333 923 7602 Lungro, Maurizio 328 3645287 San Marco Argentano, Simone, 339 4842470. Su proposta dell'ANGT, Associazione Nazionale delle Guide Turistiche, durante gli eventi saranno raccolte offerte libere, per il restauro del Museo Civico di Pievebovigliana (Macerata), gravemente danneggiato dai recenti sismi, dove, tra le altre importanti opere, è custodita la &quo

Il fantastico Todorov

di Carmelina Sicari - direttrice di Calabria Sconosciuta Mi raggiunge nella notte la notizia della morte di Tzvetan Todorov , filosofo e antropologo bulgaro ma naturalizzato francese.  Nato a Sofia nel '39 è morto ora a Parigi. La penna non pu ò restare inerte. La sua cultura oltre che squisitamente francese, giacché era stato allievo di Roland Barthes, era soprattutto europea. Il titolo di una delle sue ultime opere, La bellezza salverà il mondo , basta a indicarlo a chiare lettere: è i nfatti la frase che il grande scrittore russo, Dostoevskij, fa dire al protagonista de L ' idiota . Ma la sua vicinanza ai russi è pi ù profonda dato che Todorov ha introdotto nella letteratura francese ed europea i temi del formalismo russo. Il formalismo russo sviluppatosi tra il '14 e il '30 a S. Pietrobu r go e Mosca, ha influito notevolmente sullo strutturalismo cercando di individuare le nuove regole nella 'forma' del racconto. A partire da Vladimir Propp, auto

Capolavori d'arte dedicati alla Madonna del Pilerio, Patrona di Cosenza. Mercoledì 8 febbraio, una conferenza storico-artistica di approfondimento

L'articolo sugli ex voto dei Cosentini, di Gianfrancesco Solferino, pubblicato su Parola di Vita n°3 del 2 febbraio 2017 #MadonnaDelPilerio #Cosenza 12.02.2015 Una foto pubblicata da Bruno Pino (@brunopino66) in data: 12 Feb 2015 alle ore 07:40 PST Un'immagine della processione 2015

Voci di Pina Oliveti. Presentazione del volume edito da ilfilorosso, il 5 febbraio a Cosenza

Domenica 5 Febbraio alle ore 11:00 presso la libreria Mondadori in Piazza 11 Settembre verrà presentato l’ultimo volume di Pina Oliveti “Voci”, edito da ilfilorosso. Insieme all’autrice interverranno Luigina Guarasci, direttore de ilfilorosso e Pino Sassano, attivo promotore culturale. Pina Oliveti vive e lavora a Rogliano, abita nel Rione Cuti dove è nata. Cura le relazioni esterne del Panificio di Cuti, si occupa di tradizioni popolari e gastronomia. Precedentemente ha pubblicato: Le donne del pane, Cuti: storie di rughe, profumi e memorie (Pellegrini, 2014). Suoi testi sono apparsi in diverse antologie: La tentazione di esistere (Linea Mentis, 2015), Tracce (Pagine, 2015), Già rimbomba il mare e lascia messaggi in bottiglie (ilfilorosso, 2015), Banktruptcy (Linea Mentis, 2016), Madri (ilfilorosso, 2016), Trenta autori per trent’anni (ilfilorosso, 2017).  Il libro di Pina Oliveti ha già un titolo emblematico: Voci. Sono le voci di dentro, le voci del profondo; sono le voci del