Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2009

Melissa, 60 anni dall'eccidio

Fonte Il Quotidiano della Calabria del 29 ottobre '09, pag. 54

Al via il Premio Sodalitas Giornalismo

Da Maddalena Cassuoli della Fondazione Sodalitas riceviamo e diffondiamo


Salve,
mi chiamo Maddalena Cassuoli e per conto di Fondazione Sodalitas mi sto occupando della promozione del Premio Giornalismo per il Sociale, giunto quest’anno alla sua ottava edizione.
Si tratta di un riconoscimento che viene assegnato agli operatori dell’informazione distintisi per aver approfondito e segnalato all’opinione pubblica temi di particolare rilevanza sociale e umanitaria. L’obiettivo è favorire la crescita di una cultura dell’informazione più attenta ai problemi sociali e, allo stesso tempo, far crescere l’attenzione dei media verso questi temi.
Il Premio si articola in cinque categorie:
1. Stampa: articoli usciti su quotidiani e periodici;
2. Web: articoli e/o servizi apparsi su internet, testate online e altri mezzi di comunicazione multimediali;
3. Radio: comunicati e servizi trasmessi sulle emittenti radiofoniche nazionali;
4. Televisione: servizi televisivi in formato Dvd trasmessi su emittenti nazi…

Inno alla Terra. Per la difesa del paesaggio italiano, una raccolta fondi del FAI

Sostieni anche tu la nostra campagna di raccolta fondi "La Terra di Francesco". Dona 2 euro con un SMS solidale al numero 48548 per tutelare il Bosco di San Francesco ad Assisi, luogo simbolo del paesaggio italiano.http://www.laterradifrancesco.it/progetto.htm

Libera stampa in libero Stato: la Fnsi ne parla all’Europa. C’era anche Carlo Parisi ieri a Bruxelles, insieme agli altri membri della Giunta, ad incontrare il Parlamento

Dalla FNSI - Sindacato Giornalisti Calabria riceviamo e diffondiamo



Nella foto Siddi e Parisi a Bruxelles


BRUXELLES, 9 ottobre '09 – La delicata questione della libertà, o meglio della mancanza di libertà nell’informazione italiana è approdata al Parlamento europeo: ieri la Giunta della Federazione nazionale della stampa italiana, di cui è componente Carlo Parisi, segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria, ha incontrato i vertici di Bruxelles per ribadire il diritto, in Italia e in Europa, ad una stampa senza guinzaglio.
“L’occasione ufficiale era quella del dibattito in aula – riferisce Carlo Parisi – sull’informazione e il pluralismo in Europa, partendo dalla vicenda italiana, ma non sono mancati momenti di confronto diretto con le istituzioni europee, alle quali abbiamo chiesto un impegno concreto affinché siano assicurati in tutti i Paesi dell’Unione la piena ed effettiva libertà di stampa e di opinione ed il pluralismo dei media, senza interferenze delle autorità p…

Libertà di Stampa. Alcuni scatti della manifestazione romana

***





Le foto sono state scattate e gentilmente inviate alla Redazione del Blog da Bruno Bertolini

Libertà di stampa: in piazza 46 anni dopo la legge che l’ha sancita. Anche il Sindacato Giornalisti della Calabria partecipa alla manifestazione promossa dalla Fnsi

Da FNSI-Calabria riceviamo e diffondiamo


REGGIO CALABRIA – Sono passati 46 anni da quando i giornalisti italiani si sono visti riconoscere, con una legge dello Stato, la n.69 del 1963, il “diritto insopprimibile di informazione e critica”, nel rispetto, naturalmente, della personalità altrui. Eppure, per garantire il diritto di sapere dei cittadini e il dovere di informare del giornalista, nel nostro Paese si deve ancora scendere in piazza: è, infatti, prevista per dopodomani, sabato 3 ottobre, a Roma la manifestazione per la libertà di stampa, promossa dalla Federazione nazionale della stampa italiana.
Una manifestazione di matrice volutamente popolare e civica, a cui parteciperà anche il Sindacato dei giornalisti della Calabria, “nella convinzione – sottolinea Carlo Parisi, segretario del Sindacato regionale e componente della Giunta esecutiva Fnsi – che sia un dovere collettivo tutelare il diritto dei giornalisti ad informare liberamente e, di conseguenza, quello dei cittadini ad ess…

In libreria "Gli Internati Militari Italiani" di Mario Avagliano e Marco Palmieri (Einaudi Editore), la storia degli IMI attraverso le lettere e i diari dei protagonisti

Fonte: Storia XXI secolo



Il libro
Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 centinaia di migliaia di militari italiani furono disarmati dai tedeschi e posti di fronte ad una drammatica scelta: continuare la guerra sotto le insegne nazifasciste o essere deportati nei campi di concentramento? La gran parte di loro – circa 650 mila, tra cui 30 mila ufficiali e 200 generali – rifiutarono di continuare a combattere al fianco dei tedeschi e scelsero di non aderire alla Repubblica di Salò. La conseguenza del loro “no” fu la deportazione e l'internamento nei lager nazisti, non come prigionieri di guerra ma con lo status fino ad allora sconosciuto di IMI, Internati Militari Italiani, voluto da Hitler per sottrarli alla Convenzione di Ginevra e sfruttarli liberamente.
Questa pagina sconosciuta della seconda guerra mondiale, della guerra civile tra italiani tra il 1943 e il 1945, della Resistenza e della Guerra di liberazione italiana ed europea, è stata a lungo trascurata e dimenticata n…