Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2013

Contro l'abolizione delle Province in Italia

di Franco PedatellaLa bella Italia, dama di gran gala,
un giorno ereditò tante province
dalla dea Roma, che le avéa create
per reggere un impero sterminato.Gioielli ne avéa fatto la gran dama,
le avéa portate in picciol territorio,
il suo, ch’è somigliante allo stivale
che in mare che l’abbraccia si distende.Era felice di mostrare al mondo
le sue province, chiuse in uno scrigno
come diamanti: portano in corona
meravigliosi stemmi dei Comuni,di gloriose Repubbliche sul mare
fornite di galee per merci e guerre,
che con il sangue di lor prodi figli
la storia hanno scritto dell’Italia.Tante città, d’autonomia bandiere,
hanno trovato il modo, nella storia,
di ritrovarsi in piena comunione
d’intenti e volontà particolarie di diversi han fatto un solo Stato
che nome ha Repubblica Italiana.
Or come gran signora in decadenza
disfarsi vuol di questi bei gioielli,perché non può curarli come deve
né può lustrarli sí che ancor sian belli?
L’Italia può negare la sua storia,
tenere i soldi in note …

In morte di Margherita Hack

di Franco Pedatella
Lo studio delle stelle t’ha elevata
a loro altezza nell’umana fama
e i tuoi pensieri e modi ha plasmato
al rigore dei moti universali cosí ch’autorità in mezzo agli uomini
negli atti e nel pensier divenne il nome
di Margherita Hack, la studïosa
degli astri e della legge che li regola. La vita or ti s’è spenta in un tramonto
di quella stella che più d’altre scalda
la Terra e poi a sera l’abbandona, come fai tu che orfana la lasci
di tal pensier, nell’Infinito entrando,
cui laiche dedicasti riflessioni. L’asteroide che lí ti è dedicato
continuerà perenne ad orbitare
e, volteggiando tra compagni augello,
ad eternare il nome tuo nel mondo.

Partono i Bastimenti. Una mostra sull'emigrazione a Cosenza dal 17 luglio al 15 settembre

Dal 17 luglio al 15 settembre 2013Palazzo Arnone in Cosenza, sede della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria e della Galleria Nazionale di Cosenza, ospiterà la mostra Partono i Bastimenti. La rassegna, progettata e promossa dalla Fondazione Roma – Mediterraneo e felicemente condivisa dalla Soprintendenza guidata da Fabio De Chirico, rappresenta, in linea con la valorizzazione del patrimonio etnoantropologico, una profonda riflessione storica sul fenomeno emigrazione che, tra il XIX e il XX secolo, ha significativamente segnato la nostra regione. La mostra è a cura di Francesco Nicotra, direttore dei programmi speciali della National Italian American Foundation (NIAF).
L’esposizione, che si avvale di un allestimento di grande impatto visivo, ripercorre la coraggiosa epopea degli oltre venticinque milioni di italiani, tanti dei quali calabresi, che tra il 1861 e i primi anni ’60 del Novecento attraversarono l'oceano per strappare se stessi e …

Al via il rilancio dei beni Culturali in Calabria

di Gaetanina Sicari Ruffo È con viva soddisfazione che sembra avviato un nuovo programma di rilancio ed utilizzazione dei Beni Culturali, dopo tanta attesa e numerosi accorati appelli. Sarà presentata infatti già domani una App per iphone, a Palazzo Alemanni di Catanzaro, alle ore 10, con un Atlante dei Beni Culturali visitabili in Calabria che permetterà di illustrare i siti attivi ed il percorso da compiere per raggiungerli. Una sorta insomma di guida virtuale con foto e descrizioni che permetterà a turisti e residenti interessati la scelta dei luoghi che s'intendono vedere.  Inoltre ieri, a Reggio Calabria, presso le Mura Greche, s'è tenuta l'inaugurazione dell'Associazione SOS Beni culturali, diffusa per volere del Ministro in tutta Italia, di cui è Presidente responsabile Giuseppe Musicò, selezionata per  prendersi cura del ricco patrimonio del territorio. Presenti il Commissario del Comune dott. V. Panico, C. Stracuzza, Dirigente del settore turismo, l'archeolog…

Un parco storico come ponte tra passato e presente per rinnovare la memoria di quanto è stato fatto bene

di Gaetanina Sicari Ruffo Nei giorni scorsi è rimbalzata sui giornali italiani la notizia della prossima abdicazione degli attuali sovrani del Belgio a favore del figlio Filippo ed, in concomitanza,s’è profilata una sorta dirivisitazione dell'esperienza di Paola Ruffo di Calabria del ramo dei principi di Scilla. Esperienza senza dubbio positiva e di grande compiacimento, dopo le prove abbastanza difficili dell'inizio. Paola è stata una sovrana ben accetta, dedita ad opere di beneficenza, ottima educatrice dei suoi figli, compagna amorevole e paziente, aperta alla cultura, curiosa delle scoperte ed attenta alle novità. Che dire più? Come tutti gli esseri umani  non ha raggiunto la felicità, ma è stata all'altezza dei suoi doveri ed ha cercato di amare le sue due patrie con dedizione e slancio. Sarebbe opportuno, qui in Calabria, in suo onore intitolare un parco storico ad una sua antenata che tanto le somiglia, Giovanna, III principessa di Scilla, vissuta nel Seicento. Il rico…

Un necessario imperativo

di Gaetanina Sicari Ruffo In questi giorni non si fa altro che discutere sulla stampa nazionale di come trovare nuove risorse economiche per attivare fonti di energie che aiutino giovani e meno giovani a superare una maledetta crisi che ha destabilizzato tutti i cittadini. Non è buona regola però piantare risse tra le varie parti, proponendo i giovanicontro i vecchi o meglio le persone di matura esperienza contro gli inesperti che hanno tutto da imparare. Ecco se s'introducesse il business dei Beni culturali potrebbero essere tutti accontentati. C'è da fare per tutti! I giovani per mettere in pratica il lavoro nuovo di sistemazione e di esposizione dei reperti, gli anziani per custodire ed insegnare a fare le dovute presentazioni ai visitatori ed organizzare incontri e tavole rotonde. Mi si dirà: non ci sono le risorse per pagare tutti questi operatori. A parte che si potrebbero invitare volontari preparati che hanno a cuore la rinascita della regione, un modo ci sarebbe, aguzza…