Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

La vocazione del Sud

Parte terza di Carmelina Sicari Ora che si è consumata l'ennesima offesa al popolo meridionale, quella di essere la matrice, l'origine del male che ha infettato l'Italia intera, ora forse è possibile una più seria riflessione sul suo ruolo e sulla sua identità. Il sud è apparso sempre o almeno è stato presentato come un problema dalla formazione dell'unità di Italia in poi. La storia non si fa con i se, ma se Garibaldi fosse riuscito nell'intento di unire l'Italia a partire dal Sud, certo tutto sarebbe stato diverso. Il celebre obbedisco di Garibaldi ha marcato la linea di confine e quella di un'ombra perenne. Zitara ha intitolato un suo celebre saggio Nascita di una colonia, riferendosi al Sud appunto e Nino Bixio intese ratificare questo giudizio con una feroce repressione dei cosiddetti briganti, i ribelli che non intendevano in alcun modo integrarsi in uno stato piemontizzato, subire la coscrizione, allontanarsi dai campi, lasciar morire di fame la prole…

Messina ricorda #MariaLuisaSpaziani

Commemorata oggi, venerdì 30 gennaio, nell'Università di Messina, la poetessa Maria Luisa Spaziani scomparsa il 30 giugno del 2014.
di Gaetanina Sicari Ruffo Grande evento culturale oggi a Messina, per la commemorazione della poetessa M. L. Spaziani, nonchè professoressa di Lingua e Letteratura francese, per tanti anni, docente nell'Ateneo della città. Nata a Torino nel '23 e scomparsa nel 2014, fu un'intellettuale con il dono della poesia oltre ad essere esperta e docente di Letteratura francese. Diede il suo valido contributo in questo campo anche con saggi importanti su Proust ed il teatro dal Seicento fino al Novecento. Frequentò i più conosciuti circoli letterari e fu amica di Eugenio Montale e moglie di Elémire Zola. Numerose le sue raccolte di poesia di cui l'ultima: L'occhio del Ciclone. Messina oggi la ricorda solennemente con l'intervento speciale di Carla Fracci cui la poetessa torinese aveva dedicato una sua poesia. E con interventi di amici e stud…

Celebrazione virtuale del Centenario di #CostantinoArlìa #filologo per passione all'#AccademiadellaCrusca #AielloCalabro 23.08.1828 - #Firenze 18.02.1915

L'Evento celebrativo virtuale su Google Plus e su Facebook per il 18 febbraio 2015. Qui di seguito, un articolo dello scorso anno.

Qui di seguito, alcune voci riguardanti il giornalismo, tratte dal Lessico dell'infima e corrotta italianità di Costantino Arlìa e Pietro Fantani, Carrara editore (terza edizione), Milano 1890.

#GiornatadellaMemoria2015. All'Archivio di Stato di Cosenza presentazione del libro Il Kaddish a Ferramonti, e due mostre sulle persecuzioni razziali

In occasione della Giornata della Memoria, il 26 gennaio 2015 alle ore 10.00, nella Sala Convegni dell’Archivio di Stato di Cosenza, in collaborazione col Centro internazionale di studi giudaici di Roma, sarà presentato il volume “Il Kaddish a Ferramonti. Le anime ritrovate”, di E. Tromba-S.N.Sinicropi-A.Sorrenti. Il libro si basa sulla raccolta del materiale documentario inerente l’internamento degli ebrei stranieri nel campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia (CS), conservato anche presso l’Archivio di Stato di Cosenza. Sarà inoltre allestita, a cura dell’Archivio di Stato, una mostra di fonti documentarie dal titolo “Gli ebrei in provincia di Cosenza dopo le leggi razziali”, che sarà visitabile dal 26-01-2015 al 06-02-2015 in orario d’ufficio. Relatori: Margherita Martelli, Archivio Centrale dello Stato; Roberto Zanovello, Presidente CUS Padova; Mario Rende, Università degli Studi di Perugia.  Dal 27 gennaio e fino al 6 febbraio sarà esposta anche, in riproduzione fotostatica, l…

Sull'attentato di Parigi

GaetaninaSicari Ruffo Nei giorni scorsi un drammatico attacco è avvenuto a Parigi nella redazione di Charlie Hebdo. Siamo stati, tutti noi occidentali, in ansia e mesti per la morte dei giornalisti e delle altre persone prese in ostaggio dai jiadisti musulmani. Abbiamo alla fine trovato la determinazione di affermare i valori dell'illuminismo francese che ci ha educati e convinti della bontà della libertà di parola, pensiero ed azione e della nostra scelta d'una giustizia sociale che sia eguale per tutti: donne, uomini, bambini. Molti errori sono stati compiuti in passato più per debolezza che per calcolo, ma non possiamo accettare che si trapianti qui da noi la sudditanza della politica alla religione, la schiavitù o la cancellazione delle donne, l'educazione dei piccoli alla violenza, la copertura di misfatti che i video hanno da tempo evidenziato, compiuti dai tagliatori di teste. Respingiamo tutto ciò e rinnoviamo i nostri valori di uguaglianza, libertà e giustizia in …

Unificazione o separazione

Parte seconda di Carmelina Sicari Il discorso dell'unificazione o della separazione del sud merita un'aggiunta che da più parti mi viene richiesta. Non la semplice riflessione, ovvia in certo senso, che se l'unificazione fosse partita dal Sud, tutto sarebbe stato diverso. La storia non si fa con i se. Ma la consapevolezza che la questione meridionale possa esser letta in modo diverso. Eppure a questa storia invertita con al centro un'unificazione partita dal sud, non pochi hanno creduto: innanzitutto dicevamo i Normanni. Che strano: uomini, combattenti del Nord Europa che intendono ricostruire un regno partendo dal Sud. I Normanni si sentivano eredi dei carolingi non solo nella vocazione guerriera quanto proprio nell'intenzione unitaria del territorio. Non è un caso che proprio al Sud sorge in modo singolare l'epopea parallela a quella carolingia delle Canzoni di gesta, la Canzone d'Aspromonte, in cui la montagna diviene il fronte a Sud dell'Europa, front…

Je suis Charlie. Una riflessione di Carmelina Sicari

di Carmelina Sicari Quella volta che Italo Falcomatà mi salvò dalla fatwa che pendeva sul capo dello scrittore Ruschdie, può essere un commento, accorato, al terribile misfatto di Parigi. Esso è un misfatto di sangue e di ideali. Ma dunque sempre sul confine della libertà di espressione, mi ero riproposta di parlare di Ruschdie, per i cui Versetti satanici, era stata lanciata una terribile fatwa. Lo feci, un po' contando sulla perifericità della mia condizione, devo confessare, ad un'emittente locale, presso cui mi ostinavo a parlare di libri. Ho avuto sempre una passione per gli eretici, libri o idee che siano, tanto che anni dopo, ritentai l'impresa leggendo a tappe, Gomorra dato che anche Saviano era stato colpito da un'altra fatwa. Non avevo finito di registrare che ecco squilla il telefono ed una voce minacciosa chiede di me. Il tecnico, sempre lo stesso in anni di collaborazione, poverino, che mi aveva saggiamente ammonito che tanto di libri nessuno si interessava, …