Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

A Monasterace marina dagli scavi emergono Draghi e Delfini

GaetaninaSicari Ruffo L'erosione delle coste è sempre più minacciosa specialmente in Calabria. Ma questa volta una mareggiata ha permesso che venisse alla luce, in quel di Monasterace marina, l'antica Kaulon, uno stupendo mosaico, a una ventina di metri dal mare, nella zona termale, in prossimità del tempio dorico già conosciuto fin dagli anni sessanta, quand'era Sovrintendente agli scavi l'esimio mio Prof. dell'Università di Messina, Alfonso De Franciscis a cui devo la mia passione per l'Archeologia. La scoperta è sorprendente: un tappeto mosaicato  circolare con pannelli quadrati e rettangolari con su impresso a grosse tessere un drago marino dai colori e dalle sfumature d'incredibile bellezza (vedi foto). Il tema del serpente non è nuovo e rappresenta una suggestiva difesa contro il male, mentre le figure dei delfini che sono nei riquadri sono il simbolo dell'amicizia e del coraggio. Mi apprestavo ad andare a vedere al più presto questa meraviglia (sembra…

In ricordo di Antonio Piromalli, nel decennale della morte

Gaetanina Sicari Ruffo(tratto da Calabria Sconosciuta 139-140, luglio-dicembre 2013)
Sono passati dieci lunghi anni senza il Prof. Antonio Piromalli, apprezzatissimo collaboratore della presente rivista, già fondata all'epoca dal compianto primo direttore  dott. Giuseppe Polimeni. Egli aveva seguito con i suoi incoraggiamenti ed i suoi scritti il tortuoso percorso d'elaborazione per più d'un ventennio, fin dal 1978, ed i suoi contributi furono pubblicati fino a qualche anno prima della scomparsa. Originario dalla Calabria (Maropati 1920 - Polistena 2003) ha sempre rafforzato il suo legame con essa, nonostante fosse per lunghi periodi fuori, impegnato nell'insegnamento della Letteratura italiana prima all'Università di Urbino e Bologna, poi nelle Università di  Udine, Salerno, Cassino, medaglia d'oro nel 1989 dei Benemeriti della Scuola, della Cultura, dell'Arte anche per i molti importanti incarichi ministeriali che assunse per la promozione della Scuola. Ma…

La giornata della memoria

di Gaetanina Sicari Ruffo Oggi ricorre la tristissima data del ricordo dell'Olocausto e nuove nubi si addensano sui negazionisti. Esiste una proposta di legge, n.54, che l'aula di palazzo Madama ha inserito nel calendario dei lavori per la prossima settimana. Prevede la reclusione fino a tre anni per chi neghi crimini di guerra evidenti e contro l'umanità secondo il dettato della Carta penale internazionale dell'Aia. Già una ventina di paesi tra cui la Svizzera, il Belgio, la Polonia, l'Austria, Israele, Argentina hanno preso provvedimenti contro questi mistificatori, pur senza arrivare alla condanna penale. Non tutti però sono d'accordo su questa decisione. La discussione forse va riportata sul piano storico ed ideologico non su quello politico e giudiziario.
I motivi del negazionismo sono da condannare perché anacronistici e di parte. Conviene ignorare o negare a chi nutre ancora odio e risentimento come se niente sia accaduto di anormale, quando le testimonianze…

Anton Calabrès, il marinaio calabrese di Cristoforo Colombo

Il marinaio - che insieme ad un altro calabrese, Angelo Manetti, prese parte alle spedizioni colombiane - è da considerarsi il primo emigrato in assoluto in terra d'America.
Qui altri post sull'argomento.
***. di Giuseppe Pisano (Pubblicato su Calabria Sconosciuta N° 139-140)
Fu il primo calabrese a varcare l’Oceano e a mettere piede sul quel Nuovo Mondo in cui, nei secoli successivi tanti suoi conterranei lo avrebbero seguito. Si chiamava Anton Calabrés (1), marinaio, l’uomo che assieme ad altri seguì Cristoforo Colombo nel primo viaggio alla scoperta del Nuovo Mondo a bordo della Pinta. Di lui si sa poco o niente e fino ad ora il suo nome è passato inosservato, nascosto fra le pieghe della storia, dimenticato fra le pagine dei documenti dell’epoca, confuso fra quelli dei tanti che parteciparono a quell’impresa, più di 500 anni fa. Solo nel 1982 il nome di Anton Calabrés venne strappato per un attimo alle nebbie della dimenticanza quando Antonio Quinto Pisano, all'epoca consi…

Giornata Nazionale del Dialetto. La seconda edizione il 17 gennaio curata dall'Unpli

A fondo pagina, uno studio del 2004, curato dall'Unical Laboratorio di Fonetica, in collaborazione con il Comune di Aiello Calabro (Cs), e l'Istituto Comprensivo di Aiello Calabro.
#giornatanazionaledeldialetto2014#AielloCalabro#Unpli#ProLoco
Fonte Unpli
Il 17 Gennaio 2014 si svolgerà la seconda edizione della Giornata nazionale del Dialetto. La prima edizione ha riscontrato una partecipazione che è andata oltre ogni previsione, segno di una grande attenzione da parte della società civile verso queste tematiche.
Tutte le Pro Loco e le associazioni che hanno aderito alla prima Giornata del dialetto e delle lingue locali hanno organizzato un evento dedicato oppure inserito nelle manifestazioni già in programma un momento di riflessione sui dialetti e le lingue locali. Sono state diverse centinaia le adesioni a questa iniziativa.  La stampa nazionale ha seguito con molto interesse l’iniziativa che è stata riportata su quasi tutti i media nazionali e locali (tv, radio, quotidiani, agen…