Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2013

Giovan Lorenzo Anania, cosmografo e teologo calabrese del XVI secolo

Anania e i segreti di Cristoforo Colombo Il cosmografo e teologo di Taverna nel 1573 diede alle stampe l'opera "La Universal Fabrica del Mondo". Molti particolari inediti contenuti nel quarto tomo a proposito del viaggiatore genovese di Roberto Messina (Fonte Gazzetta del Sud del 19.01.2012)
Da anni lo storico soveratese Giuseppe Pisano si occupa delle tante connessioni tra Calabria, scoperta dell’America e Cristoforo Colombo. Tesi oggi in parte condivise e sostenute anche dal colombista di fama mondiale Ruggero Marino (v. “L'uomo che superò i confini del mondo”, Sperling & Kupfer). Dopo avere pubblicato alcuni saggi sui due marinai calabresi che si trovavano sulle caravelle (Anton Calabrès e Angelo Manetti) e, di recente, uno (recensito dal nostro giornale) dal suggestivo titolo “San Francesco di Paola e Cristoforo Colombo: il sogno della crociata”, Pisano si ripresenta con un nuovo studio intitolato “Le rivelazioni su Colombo e sul Nuovo Mondo del cosmografo e teolo…

Mattia Preti 1613-2013. Una mostra a Taverna dal 24 febbraio al 21 aprile

Calabresi Illustri. Costantino Arlìa, magistrato di professione e filologo per passione

Qui di seguito, un articolo su Costantino Arlìa, già pubblicato su Calabria Sconosciuta nel numero 133 di gennaio-marzo 2012.

CALABRESI ILLUSTRI.  Costantino Arlìa, magistrato di professione e filologo per passione. Tra le pubblicazioni più note del linguista di origini calabresi, il “Lessico dell’infima e corrotta italianità”.
Nella vita aveva esercitato la professione di magistrato prima, e in seguito di funzionario del Ministero di Grazia e Giustizia. Il suo maggiore interesse, tuttavia, fu per la lingua italiana. La profonda passione, e la competenza filologica e lessicografica acquisita, nonché le numerose pubblicazioni a tema, fecero di Costantino Arlìa un autorevole linguista, tanto da essere chiamato a far parte dell’Accademia della Crusca. Si deve a lui, tanto per fare un esempio, l’introduzione nel 1902 di un termine di grande fortuna come “pubblicità” al posto del francese “recláme”. Sebbene alcune fonti riportino luogo e data di nascita diversi1, i registri anagrafici di Ai…

Gli inediti di Lear nel libro di Giuseppe Macrì. Presentazione a Reggio il 21 febbraio

Nuovo Umanesimo e Mezzogiorno Democratico, presieduti rispettivamente dalla Prof. Carmelina Sicari e dal Prof. Giuseppe Caridi introdurranno, il 21 febbraio, alla Biblioteca Comunale De Nava di Reggio Calabria, alle ore  16,30  la presentazione del volume: Il tempo, il viaggio e lo spirito negli Inediti di Edward Lear in Calabria di Giuseppe F. Macrì. Relatori: Vincenzo Cataldo (Università di Messina), On. Domenico Romano Carratelli (Accademia dei Bibliofili), Roberto Laruffa (Editore), concluderà l'autore: Giuseppe F. Macrì.

Le dimissioni di Papa Ratzinger

Benedetto XVI ha annunciato le sue dimissioni da Pontefice nel giorno dedicato alla Madonna di Lourdes. Le motivazioni ufficiali pronunciate il latino si possono ascoltare dalla sua voce nel breve filmato. Qui il testo in italiano dal sito di Avvenire. Qui una breve storia delle abdicazioni dei Pontefici nella storia (dal TG La7).

Sinistra è…

Poesia di Franco Pedatella

Sinistra è vestire il popol nudo.
Sinistra è soccorrer chi ha bisogno.
Sinistra è liberar dai ceppi i servi
e i figli  emancipar dall’ignoranza

con conoscenza schietta universale
e far che segga al desco quotidiano
con la famiglia e quello che gli è caro
ogni uom, che il tempo debito ha sudato.


Sinistra è far eguali nei diritti
il ricco e il non abbiente sì che il figlio
dell’uno possa rivoltar le sorti
dell’altro, ma ambedue rimangan pari

nel godimento dei diritti umani.
Sinistra è cancellar lo sfruttamento
dell’uom sull’uomo e dar la libertà
che dall’assenza del bisogno nasce

e poggia sul reciproco rispetto
che il frate deve al frate e il figlio al padre.
Non è Sinistra quel che imbrattatori
ne han fatto con diabolica alchimia,

che alterando libertà e potere
orribil féan di bella tela imbratto.
Sinistra è farsi carico dell’uomo,
del simil tuo fare il tuo compagno

così che il sol nascendo all’orizzonte
annunci l’alba di un fecondo giorno
e valli e monti e il piano illuminando
liberi f…

L'arabo nel dialetto calabrese. Toponimi e parole di uso comune

Riproponiamo un articolo - rivisto - già pubblicato su Il Quotidiano della Calabria del 16 marzo 2004 che tratta di una ricerca sui toponimi arabi nel circondario di Amantea.  A seguire, lo studio  di Giuseppe Staccioli.

Amantea - Nel IX secolo le armate arabe venute dalla Tunisia iniziarono la conquista della Sicilia e allo stesso tempo attaccarono in maniera più decisa il Tema di Calabria per saggiare la resistenza della “Grande Terra” (l’Italia). Amantea fu conquistata nell’839, un decennio dopo lo sbarco di Mazara (827), e per la sua importanza strategica, Cincimo vi creò un Emirato durato fino all’886, quando ci fu la liberazione da parte di Niceforo Foca che iniziò un’opera di bonifica e di grecizzazione di quanto ricordava il periodo arabo. Durante la seconda dominazione del 985, dato che il territorio servì solo da scalo fortificato e non vi fu ripristinato l’Emirato, l’obiettivo dell’arabizzazione divenne secondario. L’avvento dei Normanni e il processo di latinizzazione delle s…

Navi dei Veleni. Natale De Grazia mistero italiano. Le conclusioni della Commissione parlamentare d'inchiesta

Niente condoni sulla trasparenza

Fonte: Agorà Digitale
Il Governo sta per mettere i bastoni tra le ruote di chi lotta contro corruzione e sprechi di denaro pubblico mettendo in discussione uno degli strumenti più importanti: la trasparenza totale di ogni spesa pubblica. Solo se riusciremo a riempire il web e i media con le proteste di chi non vuole che l'Italia faccia passi indietro sulla trasparenza, si convinceranno che tutto cio' avrebbe un effetto boomerang e si dovranno fermare. Il provvedimento, secondo le intenzioni del governo, dovrebbe servirebbe a modernizzare il nostro Paese, ma le bozze che circolano ufficiosamente mostrano che avrebbe paradossalmente l’effetto opposto! Abrogherebbe la rivoluzionaria norma che obbliga a pubblicare in modo più accessibile possibile, in formato “open data”, tutte le informazioni sulla spesa pubblica, rimandando di almeno un altro insostenibile anno la pubblicazione comprensibile e in un unico luogo di tutti i dati su come vengono gestiti i soldi delle nostre tasse. L’…

Arte. Restaurato il "Padre Eterno" di Bagnara

Qui di seguito, tratta da Costa Viola Online, la notizia dell'avvenuto restauro della statua del "Padre Eterno" di Bagnara, di cui ci eravamo occupati tra i primi, circa un anno fa, con un contributo di Gaetanina Sicari Ruffo (quie qui). Sempre aperta la questione dell'attribuzione dell'opera.

Il 1 febbraio 2013, l'Arciconfraternita Maria SS. del Rosario di Bagnara Calabra, ha provveduto a trovargli una sistemazione all'interno dell'edificio. Per numerosi anni, il ''Padre Eterno'' è rimasto posizionato in un cortile all'aperto, in preda agli agenti atmosferici. Adesso, finalmente, l'antica statua potrà essere tutelata e conservata nel Tempio, all'interno della sagrestia. Oppurtunamente guidata dall'Ufficio dei Beni Culturali dell'Arcidiocesi di Reggio-Bova e dalla competente Soprintendenza, l'Arcicofraternita Maria SS. del Rosario ha provveduto a promuovere l'importante intervento di restauro di un’opera che …