"Perché fare rete in Calabria?". Un incontro a Diamante con don Giacomo Panizza. L'appuntamento è per martedì 14 giugno

Riceviamo e pubblichiamo 
Prima che intervenisse qualche mese fa al programma-evento di Rai 3 “Vieni via con me” come ospite di Roberto Saviano, pochi conoscevano il coraggio e l’impegno di don Giacomo Panizza, prete anti-’ndrangheta la cui storia è stata raccontata davanti a milioni di italiani. Adesso la sua storia può esser letta ancora da più gente grazie al volume “Qui ho conosciuto Purgatorio Inferno e Paradiso”, scritto da Panizza insieme con il critico letterario e cinematografico Goffredo Fofi.
Bresciano di origine, dal 2002 Don Giacomo Panizza è nel mirino di una delle più sanguinarie famiglie ‘ndranghetiste calabresi: in una lunga ed appassionante conversazione con Goffredo Fofi, suo amico di vecchia data e compagno in molte battaglie sociali che lo hanno visto protagonista negli ultimi trent’anni, Don Giacomo ora racconta la sua storia. Nato da una famiglia di operai, nel 1964 Giacomo ha cominciato a lavorare in fabbrica dopo aver terminato la scuola elementare: lì è entrato in contatto con gli ambienti politici della sinistra militante, ed anni dopo, quando esplose una bomba a piazza della Loggia a brescia, lui era con gli altri a manifestare, ed era lì anche qualche giorno dopo, quando la polizia arrestò i neri neofascisti e gli anarchici.

Dal suo quartier generale, il bar “Ai Miracoli”, Don Giacomo vedeva transitare studenti e barboni, giovani e prostitute, partecipando anche a convegni ed incontri che puntavano a trovare un sentiero percorribile di progresso e di giustizia per tutti. La vocazione lo ha colto da adulto e fidanzato, parecchio a digiuno di cristianesimo: dopo il seminario, il suo vescovo con molte titubanze lo ha ordinato sacerdote, obbligandolo a lasciare il quartiere delle prostitute per lavorare tra i disabili. Don Giacomo ha così conosciuto la Comunità di Capodarco nelle Marche, un istituto che offriva agli handicappati amore e rispetto, coinvolgendoli nelle decisioni e richiedendo da parte loro responsabilità. Un bel giorno giunse a Fermo un gruppo di scout di Catanzaro che chiesero a Giacomo di ospitare anche qualche disabile calabrese, e venne deciso che a spostarsi fosse la comunità, spingendo alla nascita a Lamezia Terme (in provincia di Catanzaro) della Comunità Progetto Sud, che come dice Fofi è una “esperienza minoritaria che si radica e si concretizza nel mondo reale”.
Giacomo accetta di utilizzare a scopi sociali un palazzo requisito ai Torcasio, la famiglia malavitosa più temuta della zona: lo stabile che gli è stato assegnato dista pochi metri dalle abitazioni dei mafiosi a cui è stato sequestrato, ma ogni volta che deve accedere alla struttura deve bussare proprio a loro. Don Giacomo Panizza ha ricevuto molte minacce, la sede è stata più volte danneggiata, e qualcuno è arrivato a sabotare i freni dell’auto di un disabile, ma Don Giacomo non ha mai smesso di lottare.
Un libro appassionante come un romanzo, un dialogo serrato che ricostruisce la battaglia quotidiana di Don Giacomo Panizza contro la cosca dei Torcasio, ma anche il suo enorme amore per la terra calabrese, un progetto visionario e così grande da annullare la criminalità e gli altri ostacoli che si sono frapposti alla sua realizzazione. Perché “bisogna che tanti facciano poco, più che pochi facciano molto. Contro le mafie non serve Rambo. Serve che tutti ci impegniamo per la libertà di tutti, e la legalità è cosa nostra, un tassello di questo impegno”: soltanto in questo modo il Sud potrà superare i suoi limiti ed utilizzare pienamente le sue risorse ed il proprio tessuto sociale.

L'Associazione Arcipelago Sagarote è lieta di ospitare, martedì  14 giugno 2011, Don Giacomo Panizza, Presidente della comunità Progetto Sud di Lamezia Terme.
L'incontro, dal titolo "Perchè fare rete in Calabria?  partirà dalla personale esperienza di Don Giacomo, come descritta nel suo ultimo libro, scritto con Goffredo Fofi.
L'appuntamento è per le 15.30 presso la sede dell'associazione, in Contrada Sagarote 109, sulle colline di Diamante.
Parteciperanno all'incontro rappresentanti di varie associazioni dell'alto tirreno cosentino ed esponenti della vita culturale e politica del territorio.  Il dibattito è aperto a tutti coloro che vorranno partecipare.
Arcipelago Sagarote, associazione culturale e di volontariato,  promuove  l'integrazione delle diversità per consolidare valori umani di uguaglianza e solidarietà e vive in un contesto rurale al fine di ristabilire un equilibrio armonico tra l'uomo e l'ambiente.

1 commento:

  1. Redazione Blog14 giugno 2011 16:51

    Amantea giovedì 16 giugno alle ore 18,00 presso la Piazzetta Calavecchia
    presentazione del libro di Don Giacomo Panizza:
    “Qui ho conosciuto Purgatorio Inferno e Paradiso”, edito da Feltrinelli
    Don G.Panizza è fondatore di “Progetto Sud” comunità autogestita insieme a persone con disabilità.
    L’evento è promosso dal Circolo cittadino dell‘Auser , dal Comitato “Natale De Grazia” e dal sito web Amantea3.it con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. Nel libro, sotto forma di intervista da parte di Goffredo Fofi, l’autore tratteggia con avvincenti semplicità e intensità la sua esperienza di vita in terra di Calabria.
    Alla presenza dell’Autore discuteranno Roberto De Luca e Mimmo Cersosimo dell’Università della Calabria assieme ad Alfonso Lorelli saggista storico-politico.

    RispondiElimina