Passa ai contenuti principali

Raffaele Aloisio, il pittore di Aiello Calabro nato 220 anni fa

Per i 220 anni della nascita dell'artista Raffaele Aloisio, avvenuta il 29 maggio del 1800, ripubblichiamo un nostro articolo di diversi anni fa, aggiornato e rimodulato in alcune parti.

Buona lettura




Raffaele Pasquale Antonio Aloisio è stato tra i pittori di maggior successo dell’Ottocento calabrese. Era nato ad Ajello, antico borgo collinare del cosentino, il 29 maggio 1800. La data di nascita, che si riteneva fosse il primo di giugno, è stata corretta da Lorenzo Coscarella che nel corso delle sue ricerche - da cui attingiamo a piene mani - ha reperito l'atto di battesimo.

Questo pittore di successo dimenticato (omonimo di un altro Raffaele, nato nel marzo 1811 e morto nel maggio 1892) ebbe i natali da mastro Benedetto e da Nicoletta Volpe. Venne battezzato, come si legge nel documento del parroco don Antonio Sicolo, il 31 maggio nella chiesa di S. Giuliano, dal sacerdote don Lucio Maruca, mentre il padrino fu Giuseppe Maruca. Sempre l'atto di battesimo ci informa che il padre Benedetto, mastro calzolaio, era nato intorno al 1773 e morto nel 1828, figlio di Gregorio e Ippolita Pucci. La madre Nicoletta era nata invece intorno al 1778 e morta nel 1861, figlia di Giuseppe Volpe e Teresa Civitelli. Raffaele, che portava anche i nomi di Pasquale Antonio aveva anche altri fratelli che si chiamavano Giuseppe, Ippolita, Cecilia e Maria Teresa. Sempre nella chiesa di San Giuliano, ubicata nell'omonimo quartiere dove viveva la famiglia Aloisio, il 14 ottobre 1824, Raffaele sposa Teresa Corchio, figlia di Francesco e Anna Chiarello. Teresa, nata il 22 giugno 1800 e battezzata il 2 luglio in S. Maria Maggiore, era divenuta moglie dell'Aloisio dopo essere rimasta vedova di Vincenzo Civitello che aveva sposato a 16 anni. Dal matrimonio il 5 giugno 1826 nacque Nicoletta.

La morte dell'artista resta ancora un nodo da sciogliere. Potrebbe essere deceduto intorno al 1888, forse a Corigliano, o come sostiene Borretti, sicuramente lontano da Aiello, molto probabilmente in una delle tante città che lo ospitarono per il suo lavoro.

L'Aloisio, come dicevamo, era stato un artista molto attivo. Ne è testimonianza la mole delle commesse ricevute nel corso della sua attività durata circa un cinquantennio, e la diffusione delle opere conservate in molti luoghi di culto calabresi, ed in collezioni private. Anche la critica coeva non mancò di lodarne le capacità. Nel 1865, per esempio, nel corso di una mostra alla Camera di Commercio di Cosenza, Vincenzo Padula sul suo Bruzio (n° 81 del 25 gennaio 1865, pag. 3), nel commentare le opere presentate – Il Patriarca Lot, e La Resurrezione di Lazzaro - definì i dipinti del «vecchio e bravo artista», «la miglior cosa di quest’Esposizione». L’Abate acrese aggiunse, inoltre, che «I due quadri dell’Aloisio stanno agli altri come due poemi epici ad una raccolta di sonetti».

Se l'Aloisio ebbe fortuna presso la committenza e la critica del tempo, dalla sua morte in poi, però l'attenzione per questo pittore non è stata all'altezza della sua valenza artistica. Solo negli ultimi decenni si è ricominciato e scriverne. Prima, sul finire degli anni '70, ne aveva tracciato un profilo lo storico Rocco Liberti; poi, in anni più recenti, in un articolo dello storico dell'arte Giorgio Leone su "Il Serratore" (n22 del 1992, pagg. 35-39), ed in un altro del 1994 ("Ajello – Antichità e Monumenti, 1994 e edizioni seguenti), a firma dello stesso Leone e di Raffaele Borretti, ne è stata ulteriormente rivalutata la figura. In seguito, l'Aloisio, di mestiere e dignità di pittore sia di opere a sfondo religioso, sia di lavori a sfondo biblico (così in F. Cozzetto, Lo Stato di Aiello, Editoriale Scientifica, Napoli 2001, pag. 242) è protagonista di alcune mostre tenutesi ad Aiello Calabro (giugno-luglio 2001, a cura del Comune), Corigliano, Ajeta, Rende (2003, a cura del critico d'arte Tonino Sicoli per il Centro Achille Capizzano di Rende), Lago (luglio 2003 e 2005, Parrocchia di S. Nicola,) e Laurignano (dicembre 2005, gennaio 2006, Passionisti di Maria Santissima della Catena di Laurignano).

Maria Elda Artese, giovane storica dell’arte, ha condotto qualche anno fa una ricerca sulle opere del pittore, gran parte delle quali, per la prima volta, sono raccolte organicamente in un catalogo - comprendente 66 schede, con foto relative a dipinti firmati e datati o attribuiti, dei quali diversi inediti - realizzato in occasione della sua tesi specialistica. Mancano solo alcuni dipinti dei quali non si sono potute eseguire le foto.

Secondo lo studio in parola, in cui l’autrice, attraverso la sequenza cronologica e l’ubicazione delle opere, ha cercato di ricostruire e aggiungere particolari alla biografia, i primi quadri conosciuti di Aloisio risalgono al 1825. Sono due dipinti di eguale dimensione, eseguiti su commissione di privati (l’eremita Bruno Scanga e Angelo Michele Parisi) e sistemati su due altari laterali della chiesa della Madonna dei Monti a Lago. All’anno successivo risale una coppia di tondi per due nobildonne di Lago, sistemati nella Chiesa dell’Annunziata. Nello stesso periodo, si registrano le commesse per altri due dipinti - La Madonna del Rosario e San Giuseppe e il Bambino - conservati nella Chiesa della Madonna della Consolazione di Pietramala, oggi Cleto. La scritta sul secondo quadro, infatti, indica come committente il nobile Tomasi Giannuzzi Savelli, che apparteneva, appunto, alla famiglia dei Baroni di Pietramala.

I dipinti prodotti in questi primi anni, evidentemente, resero noto Aloisio nella zona e giunsero quindi altre commesse: un trittico che fu ubicato nella Chiesa dell’Annunziata di Lago e tre affreschi per la Chiesa della Madonna della Consolazione di Pietramala.

C’è un periodo, dal 1825 in poi, di circa 10 anni, in cui non si conosce quasi nulla dell’attività dell’Ajellese. Si dovrà aspettare il 1835 per trovare la Pentecoste attualmente conservata a Rossano. «In questo dipinto – riferisce la storica dell’arte - risulta evidente una netta evoluzione rispetto ai precedenti. La classica composizione piramidale, che perde la staticità delle prime opere, viene affiancata da un motivo circolare ed i personaggi sono realizzati con grande cura. I vestiti ed il volto della Madonna restano, comunque, simili a quelli dei dipinti del 1826. Il salto qualitativo, soprattutto per quanto riguarda la composizione, fa pensare – aggiunge - che nel periodo precedente Aloisio abbia avuto esperienze in grado di maturarlo artisticamente. Probabilmente è in questi anni che si reca a Napoli a studiare ed ha la possibilità di ammirare quelle realizzazioni che avrebbero influenzato tutte le sue opere successive. Al salto qualitativo corrisponde anche, d’ora in poi, l’esecuzione di opere di maggiori dimensioni».

Tra il 1835 ed il 1843, la produzione conosciuta di Aloisio è ubicata tutta a Rossano, dove molto probabilmente ha soggiornato. «Non è da sottovalutare il fatto che Rossano – afferma M. E. Artese - venne colpita da un forte sisma il 25 Aprile 1836 - su 1.538 edifici ne furono rasi al suolo 370 e danneggiati irreparabilmente 392 - e che, dopo il terremoto, vi fu molto lavoro per la ricostruzione e la decorazione delle chiese, a cominciare dalla Cattedrale, nella quale troviamo una Santa Lucia dello stesso anno». Del 1840 è il Martirio di Santa Filomena della Chiesa di San Bernardino, mentre del 1843 sono le tele della Chiesa di San Nilo.

Nel 1843 e nel 1845 Aloisio presenta suoi quadri alla Mostra Borbonica, ottenendo due medaglie d’argento. Una circostanza, quest’ultima, che fa pensare ad un collegamento con Napoli «che meriterebbe – avverte la giovane storica - un’indagine approfondita».

Dal 1847, l’artista ritorna a lavorare in Ajello, come si evince da un articolo di Vocaturo che tratta degli affreschi della Chiesa di San Giuliano, eseguiti, con ogni probabilità, nello stesso anno, così come dello stesso anno è l’Immacolata ora conservata a Cosenza nella Chiesa del SS. Salvatore - già San Omobono -, commissionata da un’altra esponente della famiglia ajellese dei Giannuzzi Savelli.

A partire dal 1848, invece, è la città di Corigliano ad ospitare l’artista. Qui realizza la Madonna con Bambino e Santi attualmente presso l’Oratorio della Confraternita di Maria SS. dei Sette Dolori. La conferma della sua attività nella cittadina jonica ci viene dai due quadri conservati nel corridoio delle armi del castello, dei quali il primo – Adorazione dei Magi – è firmato e datato, mentre l’altro – Presentazione di Maria al Tempio - certamente più antico, presenta una figura di sua mano. Nei dipinti di Corigliano troviamo quella figura della Madonna che resterà costante in tutte le opere successive.

Alla fine del quinto decennio, il Nostro firma un’altra opera di grande impegno: gli affreschi della volta della Chiesa dell’Annunziata di Acri. «Non sappiamo se l’opera fu realizzata anche negli anni del soggiorno a Corigliano, ma di certo un coriglianese forse suo allievo, Medollo, realizzò un dipinto per un altare e probabilmente collaborò alla realizzazione della volta. Certamente – chiosa la studiosa - c’è uno stretto collegamento tra l’Adorazione dei Magi di Acri e quella di Corigliano, che presentano particolari identici, come la corona deposta per terra».

Sue opere, ancora, sono l’Immacolata (1850), conservata a Dipignano, il San Francesco di Paola (1851), dipinto su commessa della nobildonna Luigina Giannuzzi Savelli dei Baroni di Pietramala; la Madonna delle Grazie (1854) che adorna l’altare della cappella Cybo; e la Madonna del Rosario (1858), grande pala d’altare dell’omonima chiesa di Paola, eseguita nella città natale, come indica il cartiglio scritto da un nobile ajellese, e confermato dall’osservazione del profilo della catena costiera e del monte Cocuzzo che si ammira da Ajello.

Databile tra il 1862 ed il 1865, è, infine, il ciclo le Storie di fra Benedetto (Falcone), dipinti conservati nel Santuario di Maria SS. della Catena a Laurignano.

Ormai anziano, e noto in tutta la provincia, nel 1865 aveva presentato con successo a Cosenza – come accennavamo all’inizio - due quadri all’Esposizione della Camera di Commercio. Gli ultimi anni di attività, poi, lo videro ancora al lavoro su opere di notevole impegno a Castrovillari, dove si trovano alcune tra le migliori opere, quali: la SS. Trinità, il Cristo deriso e l’Estasi di Santa Teresa d’Avila, tra le ultime conosciute, insieme alla Madonna del Rosario di Rotonda, del 1872.

Poco o nulla si conosce degli ultimi anni di vita. Quello che si può dire, è che la sua è stata una attività nel solco della accademia. Un artista, per l’Artese, «impermeabile alle novità dei contemporanei (…), forse anche immobile in cinquant’anni di attività, ma di certo coerente con la sua formazione e autore di una produzione mediamente dignitosa e con qualche episodio di grande qualità».

«Rispetto al Morelli ed al Santoro, che per un pittore come Aloisio, ben introdotto nella provincia e nella ristretta mentalità ecclesiale e popolare della Calabria dell’epoca, potevano apparire esageratamente moderni – spiega ancora l’autrice del saggio -, il Nostro sembra rivestire il ruolo del “calmo” interprete delle istanze pietistiche popolari, e appoggiare sia gli ambienti curiali non troppo attenti alle nuove istanze artistiche, sia soprattutto le masse dei fedeli, dei quali nelle opere ritroviamo intatti vecchi sentimenti con linguaggi, a volte più evoluti, ma conformi agli schemi tradizionali e soprattutto realizzati da un loro contemporaneo».

«I molti riconoscimenti ottenuti e la presenza delle sue opere in tutta la provincia di Cosenza – conclude - testimoniano il successo avuto in vita e la stima di cui godette. Evidentemente Aloisio, seppur in un ambito provinciale, fu interprete del sentimento e della cultura dell’epoca, e questo basta per collocarlo tra i più significativi artisti dell’Ottocento calabrese». Che merita, giova ribadirlo, di essere oggetto di ulteriori studi e di iniziative culturali. (Bruno Pino)

ALBUM FOTOGRAFICO


Riferimenti bibliografici:

  • Bruno PINO, Raffale Aloisio, inventor et pictor dell'Ottocento calabrese, in Calabria Sconosciuta, n° 131, luglio-settembre 2011, pagg. 11-14;

  • Rocco LIBERTI, Storia dello Stato di Aiello in Calabria, Barbaro editori, 1978, pp. 203-204;

  • Giorgio LEONE, Per una storia dell'arte sacra nella valle del Crati, convegno di studio su Bisignano e la Val di Crati tra passato e futuro, [Atti del convegno di studi (Bisignano: 1991)], a cura di Rosalbino Fasanella - Luigi Falcone - Nuccio Fucile, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1993, pp. 139;

  • Gian Luigi TROMBETTI, Castrovillari nei suoi momenti d'arte, Castrovillari, "Il coscile", 1989, p. 98;

  • Giorgio LEONE, "Il Serratore" n° 22 del 1992, pagg. 35-39;

  • Mons. Luigi RENZO, Chiese di Rossano: guida storico-artistica, Rossano, Grafosud, 2000;

  • Fausto COZZETTO, Lo Stato di Aiello, Feudo, istituzioni e società nel Mezzogiorno moderno, Editoriale Scientifica, Napoli 2001, pag. 242;

  • Tarcisio PINGITORE, Aloisio Raffaele in Rubens Santoro e i pittori della Provincia di Cosenza tra Otto e Novecento, [Catalogo della Mostra (Rende: 2003)], a cura di Tonino SICOLI e Isabella VALENTE, Catanzaro, Edizioni AR & S, 2003, p. 146;

  • Raffaele BORRETTI - Giorgio LEONE, Raffaele Aloisio, in Ajello (a cura di R. Borretti), terza edizione, Cosenza, Pellegrini, 2007, p. 72;

  • Maria Elda ARTESE, Raffaele Aloisio, Unical 2009, Relatore prof. Giorgio Leone.

  • Lorenzo COSCARELLA, Aloisio, dalle radici aiellesi alle opere in provincia, in “Parola di Vita”, aprile 2013, pag. 19; e Blog Esplorazioni Cosentine (https://esplorazionicosentine.wordpress.com/2013/04/17/raffaele-aloisio-dalle-radici-aiellesi-alle-opere-in-provincia/);

  • Il Blog di Bruno Pino (www.brunopino.it) - Tag Raffaele Aloisio.


Commenti

Post più letti nell'ultima settimana

L'arabo nel dialetto calabrese. Toponimi e parole di uso comune

Riproponiamo un articolo - rivisto - già pubblicato su Il Quotidiano della Calabria del 16 marzo 2004 che tratta di una ricerca sui toponimi arabi nel circondario di Amantea.  A seguire, lo studio  di Giuseppe Staccioli.

Amantea - Nel IX secolo le armate arabe venute dalla Tunisia iniziarono la conquista della Sicilia e allo stesso tempo attaccarono in maniera più decisa il Tema di Calabria per saggiare la resistenza della “Grande Terra” (l’Italia). Amantea fu conquistata nell’839, un decennio dopo lo sbarco di Mazara (827), e per la sua importanza strategica, Cincimo vi creò un Emirato durato fino all’886, quando ci fu la liberazione da parte di Niceforo Foca che iniziò un’opera di bonifica e di grecizzazione di quanto ricordava il periodo arabo. Durante la seconda dominazione del 985, dato che il territorio servì solo da scalo fortificato e non vi fu ripristinato l’Emirato, l’obiettivo dell’arabizzazione divenne secondario. L’avvento dei Normanni e il processo di latinizzazione delle s…

I calabresi all’Assemblea Costituente 1946-1948. Uno spaccato politico e sociale della Calabria all’alba della democrazia nel volume dell’ICSAIC a cura di V. Cappelli e P. Palma edito da Rubbettino

Qual è stato il contributo della Calabria alla nascita della nostra Costituzione? Ce lo dice, in modo ampio e dettagliato, il volume “I calabresi all’Assemblea Costituente 1946-1948”, edito da Rubbettino a cura di Vittorio Cappelli e Paolo Palma, rispettivamente direttore scientifico e presidente dell’Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (ICSAIC).
Il volume, 557 pagine, contiene le biografie dei ventiquattro costituenti calabresi e una robusta appendice documentaria, realizzata con il contributo della biblioteca “Nilde Iotti” della Camera dei Deputati. Viene approfondito un biennio cruciale della storia nazionale, osservato attraverso l’attività parlamentare dei deputati costituenti Capua, Caroleo, Carratelli, Cassiani, Froggio, Galati, Gullo, Lucifero, Mancini, Mazzei, Molè, Mortati, Murdaca, Musolino, Priolo, A. Quintieri, Q. Quintieri, Sardiello, Siles, Silipo, Tieri, Tripepi, Turco, Vilardi.Alle biografie seguono una selezione antologica dei…

Storia locale. L'influenza Spagnola ad Aiello Calabro nel 1918

La situazione pandemica attuale dovuta al coronavirus, che sta interessando anche l'Italia, in maniera più grave di quanto ci si aspettasse, somiglia molto ad un'altra pandemia – la Spagnola - che un secolo fa, sul finire della Prima Guerra Mondiale, tra il 1917 ed il 1920*, cagionò decine di milioni di morti in tutto il mondo ed in Italia circa 600 mila.
Su questo aspetto, da tempo, avremmo voluto fare una ricerca per sapere cosa successe ad Aiello, quanti furono i morti; come si affrontò la malattia. Bisognerà per questo cercare documentazione dell'epoca.
Nel frattempo, però, grazie alla signora Maria Luisa Cicero che ci ha fornito dei ritagli di giornale, apprendiamo che le vittime Aiellesi per il morbo furono circa un centinaio.
Abbiamo trascritto uno degli articoli di Cronaca di Calabria del 3 novembre 1918, che fotografa abbastanza chiaramente la situazione e ve lo proponiamo.
Buona lettura.
ALBUM FOTO CON I RITAGLI DI GIORNALE

Per la festa della Mamma 2020, componimento di Franco Pedatella

di Franco Pedatella

La mamma è la radice della vita. Amore dona a quei che ha concepito. Questa giornata che l’è dedicata per lei quest’ inno sia col cuor scandito!
La sua figura è simbolo di pace, prosperità e d’ogni ben presenza. Quand’ella passa ogni lite tace. Intorno sparge dolce sua fragranza.
Le corre il bimbo in braccio quando ha fame; quando è cresciuto, chiede a lei conforto s’è afflitto e vinto da interior certame.
Modello è per la figlia da che sorto è il sole fino all’ora del tramonto. Speranza è per quei che le stanno intorno.
Fra tante è la più bella donna e santa, quella cui i figli guardan per saggezza per ottenerne ascolto e grazia pronta, materno il riso e dolce una carezza.

L'anniversario di Caporetto

di Carmelina Sicari – direttrice di Calabria Sconosciuta Ho vissuto all'ombra di Caporetto. Una vera tragedia perché mia madre che era rimasta orfana prima ancora di nascere, aveva un padre che era morto poco prima di Caporetto in una delle battaglie del Carso, di cui l'ultima fu appunto Caporetto nel '17. Data fatale dunque questa di un centenario che non si dovrebbe commemorare tanto infausta è la memoria. Caporetto è per antonomasia non una sconfitta ma la sconfitta. Il Piave piange nella omonima canzone. Le immagini dei soldati stracciati, frustrati, umiliati che si disperdono dopo la battaglia attanagliano i cuori. La tragedia rimase e fu protagonista nella mia infanzia. Mia madre probabilmente non sapeva che le battaglie del Carso, in una delle quali suo padre era stato polverizzato alla lettera, avevano come obiettivo la liberazione di Gorizia.

Il libro Cuore dell'Italia unita compie 130 anni

di Carmelina Sicari - direttrice di Calabria Sconosciuta Centotrent'anni fa appariva il libro Cuore di Edmondo De Amicis. Perché mi sento commossa? Un ricordo mi afferra. Ovvero il processo al libro Cuore intentato ad opera dell'Associazione Nuovo Umanesimo. Non sempre la critica è stata benevola verso questo testo giudicato caramelloso, prolisso, a tesi e così via, in un certo senso di propaganda. Di che? Dell'Italia unita. L'accusa al Processo ebbe una trovata straordinaria. - Lo accuso di imperfetto. L'imperfetto sintomo di profonda nostalgia è in effetti imperante nel testo. Eppure il Cuore non solo utilizza l'emozione ma compie una vera e propria operazione letteraria avanzata. Utilizza l'emozione certo. Ancora adesso quando leggo Sangue romagnolo piango. Ho analizzato il perché. Il Cuore fu assolto, certo, ma aveva avuto come difesa il senatore Emilio Argiroffi che si era dato a difendere Franti, il cattivo della situazione. Le mie ragioni sarebbero sta…

Pillole di storia locale. Il Partigiano Geniale Bruni

Un video di due minuti ciascuno per ricordare tutti i Partigiani della Provincia di Cosenza. Una iniziativa del direttivo ANPI Provinciale di Cosenza “Paolo Cappello” per celebrare il 25 Aprile, nel settantacinquesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo.
Il progetto "Pillole di Partigiani Cosentini” curato da Matteo Dalena (testi e voce), Maria Pina Iannuzzi (voce) e Rodolfo Capoderosa (musiche e montaggio), in collaborazione con l’ICSAIC (Istituto Calabrese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea) presieduto da Paolo Palma, mira a creare un archivio della memoria del nostro partigianato.
Ai videodoc già realizzati, che potrete rivedere sul sito ANPI di Cosenza, oggi si aggiungono quelli dedicati a Walkiria Vetere di Rogliano e a Geniale Americo Bruni di Aiello Calabro che vi riproponiamo.
Qui il POST sul Blog di Anpi Cosenza che ringraziamo.

È morto lo storico Franco Volpe

Oggi, il prof. Francesco Volpe è passato a miglior vita. Le nostre condoglianze alle figlie Marianna e Teresa e alla famiglia tutta e un abbraccio al nostro compagno di scuola Luigi che lo attende in cielo. Le esequie saranno domani ad Amantea in forma strettamente privata Rip caro professore. Qui di seguito il ricordo di Giuseppe Masi tratto dal sito dell'ICSAIC.
È morto il professore Franco Volpe. Grave lutto per la cultura calabrese Grave lutto nel mondo della cultura calabrese. È morto il prof. Franco Volpe, docente e storico che per anni ha animato il dibattito sui temi più importanti riguardanti il passato della nostra regione. Dirigente del nostro istituto, membro del comitato di direzione delle sue riviste scientifiche, deputato di Storia Patria per la Calabria, Volpe è stato autore di numerose opere storiche che hanno ricevuto consensi importanti. Il presidente Paolo Palma e tutti i soci del nostro istituto partecipano al dolore della famiglia. Il presidente onorario dell…

#RaccontiamolaResistenza Una commemorazione virtuale (e virtuosa) del #25aprile2020

Comunicato stampa - Istituto Nazionale Ferruccio Parri L’Istituto Nazionale Ferruccio Parri di Milano, che da oltre 70 anni raccoglie, tutela e valorizza il patrimonio materiale e ideale della Resistenza, pur nella difficile situazione attuale causata dal Coronavirus, insieme all’Istituto Cervi e a tutti i 65 Istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea sparsi sul territorio nazionale, congiuntamente alla rete di luoghi “Paesaggi della Memoria”, promuove la celebrazione del 75° anniversario della Liberazione con una voce ancor più forte, che echeggi in quelle piazze che quest’anno non si possono riempire di persone.