Le Lettere di San Francesco di Paola ed il quadro del Santo a Montalto Uffugo


MONTALTO UFFUGO - Domenica 28 Gennaio 2018 alle ore 16.00 l’associazione ilfilorosso in collaborazione con i Pii Operai Catechisti Rurali e il comune di Montalto organizzano la presentazione del volume edito da ilfilorosso editore “Le Lettere di San Francesco di Paola ed il quadro del Santo a Montalto Uffugo” del professore Giuseppe Leonetti. La manifestazione avrà inizio con la visita guidata del dipinto di San Francesco di Paola custodito nella chiesa della SS. Annunziata (conosciuta come chiesa di San Francesco). Questo dipinto è sempre stato ritenuto il primo e l’unico quadro realizzato direttamente (e furtivamente) quando il santo era ancora in vita. A dialogare con l’autore ci saranno: l’avv. Pietro Caracciolo (Sindaco del comune di Montalto), Padre Salvatore Cimino (Superiore generale dei Pii Operai Catechisti rurali) e Luigina Guarasci direttore de ilfilorosso.

“Il libro di Giuseppe Leonetti, pur avendo al centro Francesco di Paola, non è però un’ulteriore biografia del santo, ma si occupa di due aspetti controversi e solo apparentemente minori legati a San Francesco. Il primo, di particolare importanza riguarda le Lettere; il secondo, di carattere iconografico, si sofferma sul significato dei simboli presenti nelle Lettere, ma anche sul ritratto di San Francesco conservato nella chiesa della SS. Annunziata di Montalto Uffugo e che Leonetti definisce come unico ritratto dal vero fatto al Santo ancora vivente. Il problema delle Lettere viene affrontato con rigore e ampiamente documentato dall’autore che ripercorre la storia spinosa e tormentata circa l’autenticità del corpus delle Lettere di Francesco. (…) La seconda parte del lavoro è dedicata ad un tema di grande interesse. Leonetti, partendo dai simboli grafici presenti nelle Lettere, si sofferma in modo particolare sul simbolo della croce presente in tutte le lettere e presentato in numerose varianti in modo quasi “ossessivo” tanto da far pensare, per i toni e i rimandi, ad una sorta di nuova Renovatio di stampo gioachimita. (…) I simboli vengono analizzati nei loro elementi costitutivi con un lavoro meticoloso e in un itinerario affascinante di riferimenti scritturali, alchemici, artistici, psicologici e astronomici. L’immagine di San Francesco nel dipinto di Montalto, della cui autenticità l’autore è sostenitore, diventa un concentrato di simboli che l’ignoto pittore ha voluto inserire nel dipinto in forma, forse, volutamente oscura ai più. Sono ipotesi, ma non peregrine, che l’autore azzarda motivandole, per quanto è possibile, come quella sull’identità dell’artista che ha dipinto il ritratto montaltese”. (dalla prefazione al volume di Luigina Guarasci).
Giuseppe Leonetti, di Montalto Uffugo in provincia di Cosenza, si è laureato in Lettere Classiche  presso l’Unical  ed  è  docente ordinario di italiano, latino e greco nel Liceo Classico Statale “Gioacchino da Fiore” di Rende. Le sue ricerche spaziano dalla letteratura classica alla letteratura italiana con una predilezione per le analisi di taglio semiologico ed antropologico. Collabora con varie associazioni culturali fra cui l’Accademia  montaltina degli inculti per la quale ha tenuto numerosi seminari e conferenze  pubblicando vari studi sulla filosofia, la teologia e la scienza nel seicento. 

Nessun commento:

Posta un commento