Pini giganti della Sila

Pini giganti
di Franco Pedatella


Il testo è stato concepito in occasione di una mia visita, insieme ad alcuni amici e soci dell’Associazione Culturale Cletarte ed all’amico Vincenzo Marrapodi che fungeva da guida, al Parco Nazionale della Sila. Amerigo Cuglietta, nella baracca del custode, nota, incisi su una tavola di legno esposta sulla parete, alcuni versi del poeta calabrese Michele De Marco, detto Ciardullo, e scherzando con il custode, un giovane pieno di spirito e pronto di nome Aldo Colonna, dice che anch’io scrivo versi, anzi dice “sono poeta”, e m’invita a scriverne alcuni dedicati ai pini giganti della Sila, così come fa Ciardullo nei confronti della sua Sila. Mi presento al signor Aldo, il quale osserva che il mio nome non gli è nuovo, per aver letto qualcosa di mio. Gli ricordo che forse ha letto qualcosa, poesia o articolo sul Quotidiano della Calabria, forse la mia Lettera ai Milanesi scritta in occasione delle ultime elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale e del Sindaco di quella città. Dalle mie parole intuisce il mio orientamento politico di sinistra e mi dice che anche lui scrive sullo stesso giornale e dichiara scherzosamente di essere una colonna, oltre che di nome, anche di fatto, perché non si piega. Allude chiaramente a certe sue prese di posizione contro corrente. Quindi m’invita a scrivere i miei versi, assicurandomi che li esporrà. Amerigo chiede che siano brevi, come quelli di Ciardullo. Rispondo che ci proverò, se mi verrà l’ispirazione. Io ed Aldo ci scambiamo gli indirizzi di posta elettronica ed i numeri di telefono e ci salutiamo amichevolmente con la promessa di risentirci.  Ora il mio verso preferito è l’endecasillabo e credo proprio che non ci sarà posto in quel piccolo spazio per versi così lunghi.



Pini giganti rigogliosi il cielo
paion sfidar quai Figli della Terra
di nerborute braccia contro Giove
armati. Sono i figli della Sila.

Uno abbattuto a terra dona vita
a tre germogli, simbolo di vita
rinata dalle gorgoglianti acque
scorrenti in seno a te, Calabria mia.

Così sei come Terra, Sila mia,
ch’ai figli tuoi che piegano il ginocchio
dài forza e vita sì che, se l’un cade,
cento dal seno tuo ne han rigoglio.


Franco  Pedatella, Spezzano Sila, 9 settembre 2011





Nessun commento:

Posta un commento