Giornata mondiale del libro 2010

di Gaetanina Sicari Ruffo
Voglio ricordare che domani, 23 aprile, si celebra la Giornata mondiale del Libro e del Diritto d'Autore in onore di S. Giorgio, ma pure in memoria di Cervantes, Shakespeare e De la Vega che vennero a mancare in questa stessa data, nel 1616. La ricorrenza richiama una festa catalana che coinvolge da molti anni uomini e donne che s'incontrano a Barcellona ad una grande fiera di libri e ricevono, ad ogni acquisto d'un libro, una rosa. Una leggenda infatti dice che dal sangue infetto del drago ucciso, che rappresenta il male, nacque una rosa, cioè l'amore. Da Civitavecchia è partita nei giorni scorsi una nave con a bordo numerosi autori, editori e lettori alla volta di Barcellona per celebrare così con una fusione di culture l'impegno di leggere di più e diffondere i libri che stanno a fondamento del sapere e della conoscenza e quindi della civiltà dei popoli.
Altre iniziative come incontri, recitals, performances sono in corso dappertutto dove c'è sensibilità per questo argomento.

Per sapere di più consulta il sito dell'Unesco (clicca QUI)

1 commento:

  1. Era il 23 aprile di 25 anni fa. Eravamo, assieme agli altri studenti del V anno del Liceo Scientifico di Amantea, in quel di Barcellona in Spagna, in gita d'istruzione. Mi è rimasto impresso vedere tante persone, anche a notte fonda, aggirarsi per la metropoli catalana con una rosa ed un libro. In particolare, notai un giovane suonare al citofono, presumo di una coetanea, alle 3 di notte. Solo dopo qualche anno - da quella gita d'istruzione (sic!) - seppi che si trattava della Giornata mondiale del libro...

    RispondiElimina