Una protesta contro i bavagli normativi alla Internet italiana. Sabato 20 febbraio 60 audaci blogger davanti all’Ambasciata americana per chiedere aiuto a Obama: “Mr. President, help the Internet in Italy!”


Da Enzo Di Frenna e Claudio Messora, organizzatori dell’evento mediatico riceviamo e diffondiamo
Sabato 20 febbraio, alle ore 16, saremo davanti all’ambasciata americana a Roma (in via Vittorio Veneto, lato via Bissolati) per protestare contro il decreto Romani ammazza-internet, con il quale vuole mettere il bavaglio alla video informazione web. E in sostanza, favorire il controllo dei contenuti televisivi da parte dei grandi network in mano alla solita lobby politica.
Parleremo con la forza del silenzio e il potere delle immagini. Saremo in fila davanti all’ambasciata, con i tamburri Dunun ai lati. A un segnale convenuto, ci toglieremo le scarpe e saremo a piedi nudi. Poi ci benderemo con una fascia nera (il Decreto Romani ci vuole impedire di vedere cose diverse da quelle propinate dai network tv tradizionali) e canteremo in coro “Mr. President, help the Internet in Italy!”. Nel frattempo, gireremo un video e lo diffonderemo in inglese su You Tube, rivolgendo un appello alla comunità internazionale, per denunciare quanto sta accadendo in Italia. Con l’aiuto degli utenti e dei blogger, attiveremo un grande TAM TAM digitale.
Ci rivolgeremo simbolicamente a Barack Obama, certamente il presidente più favorevole alla libertà di informazione in Internet, e chiederemo di prendere una posizione contro il governo italiano, che rientra tra quelli che legiferano a favore della censura in Rete.

Nessun commento:

Posta un commento