Legami di sangue. Un film in dialetto cosentino in uscita nelle sale il prossimo marzo

Comunicato stampa Baby Films


LEGAMI DI SANGUE dal 27 marzo al Filmstudio. 

LEGAMI DI SANGUE è il film d’esordio di Paola Columba, prodotto da Fabio Segatori per la Baby Films.
Ha ricevuto il premio Flaiano Migliore Opera Prima e Migliore attrice protagonista (Cristina Cellini) e ha riscosso molto successo in vari Festival Internazionali (Philadelphia -selezione ufficiale-, Salerno, Los Angeles-Italia), ottenendo una distribuzione home video ed internet per l’America (Northern Arts).  

LA STORIA: all'interno di una famiglia contadina di oggi, sospesa tra medioevo e modernità, tre fratelli e una sorella si contendono una misera eredità. Visceralmente uniti dall’amore, arriveranno ad odiarsi. A far da contrappunto a tanta avidità, il mondo sospeso e infantile di uno dei fratelli, Andrea, down e con gravi problemi respiratori. 
Girato interamente dal vero in uno sperduto casolare dell’entroterra del Sud, il film ritrae il mondo rurale di oggi senza folklore e senza sentimentalismi “da prima serata”. 
È un film di scrittura e di recitazione. Costruito con rigore.
Non a caso la regista, di estrazione teatrale, ha voluto che nel cast ci fosse Arnoldo Foà, con la sua etica e la sua passione. L’attore ultranovantenne si è infatti lasciato coinvolgere nell’avventura con entusiasmo, ben sopportando le disagevoli condizioni del set, privo di ogni comfort. 

Su LEGAMI DI SANGUE è stato scritto: 
“A deeply rooted feud in a family drama of Shakespearian proportions” Philadelphia Weekly.
“Un debutto atipico, coraggioso e felice” Gloria Satta, Il Messaggero.
“La pellicola più intensa e drammatica che ha colpito maggiormente il pubblico” Ansa, Festival Los Angeles-Italia
“Uno dei debutti più colti e calorosi degli ultimi anni” Filmtv.it
“Una storia forte, cruda, meridionale, una faida familiare per una eredità nemmeno cospicua. Notevole il cameo del grande Arnoldo Foà”. Corriere della Sera
“Convincente opera prima della giovane regista Paola Columba già autrice e regista teatrale, il film si ispira al neorealismo di Rossellini e di De Sica”. Rai International
“Sul set, un po' di Verga, molto Bellocchio, il Marco Bellocchio degli esordi, ai tempi de "i pugni in tasca". Nicoletta Ciardullo, Sngci Cinemagazine
“La regia, priva di titubanze, da vita ad un cinema figlio del neorealismo, ‘povero’ ma ardente e commovente. Il film ha una grande compattezza, una sintassi precisa e coerente, una forza e una potenza sintetica che prende al cuore e in fondo alle viscere, tanto che ci vuole un po’ per tornare alla realtà…” . Paola Galgani, Close Up.

2 commenti:

  1. LEGAMI DI SANGUE (CONFERENZA STAMPA)
    venerdì 27 marzo 2009 di Carmelo Caramagno

    Roma. Dopo la proiezione stampa di Legami di sangue, tenutasi presso la Casa del Cinema di Roma, intervengono alla conferenza stampa del film la regista Paola Columba, il co-sceneggiatore e produttore Fabio Segatori, gli attori protagonisti Cristina Cellini, Giovanni Capalbo, Andrea Dugoni, Alberto Cracco, Vanessa Galipoli e Fulvio Cauteruccio. Legami di sangue, che ha anche ricevuto la qualifica d’Essai ed è costato circa 350.000 euro, uscirà prima solamente al Film Studio a Roma, mentre ad Aprile le copie saliranno a sette con una distribuzione che coinvolgerà Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Bari, e naturalmente il Molise dove il film è stato realizzato.

    Da dove nasce la storia di questo film ?

    P. Columba : La storia è anche stata ispirata a fatti di cronaca. Mentre giravamo, ad esempio, a Piazza Armerina c’era un uomo che ha sparato con un fucile a sua sorella. In parte è una storia che ho scritto pensando e lavorando con gli attori, alcuni tra i quali hanno un’origine contadina. Il film tratta un tema universale che però viene trattato poco al cinema. Forse lo abbiamo fatto in modo anche duro e drammatico, ma questo perché c’è sempre una base d’amore tra i fratelli e abbiamo fatto in modo da suscitare anche dei contrasti.

    F. Segatori : In Italia del mondo contadino non si parla più. Le fiction, le pubblicità ci raccontano un paese che galleggia tra le nuvole. Il film è stato girato non molto lontano da Roma e alla fine nessuno lo dice ma ci sono ancora queste realtà in Italia. Capisco che non va di moda parlare di queste cose, anche perché il film tra l’altro non smussa, non media quegli aspetti di realismo che potrebbero dare fastidio. Mi riferisco al bacio della protagonista al prete o alla scena del bagnetto che ha quell’equilibrio tra la cosa controversa e quella incestuosa. Di solito questi aspetti nelle fiction o peggio nelle pubblicità non si vedono. La campagna italiana non è il Mulino Bianco e questo nel film è chiaramente visibile.

    Avete affrontato il realismo come se fosse un genere cinematografico a sé stante e non per i suoi aspetti sociologici ?

    F. Segatori : Abbiamo lavorato su più fronti. Innanzitutto, parlare di cose importanti e impegnative non significa annoiare, ma costruire la narrazione in modo che possa intrattenere. Quello che abbiamo fatto è stato dare la massima attenzione ai personaggi. Noi lavoriamo da tanti anni con gli attori e quindi abbiamo scritto direttamente su di loro, anche perché tutti noi veniamo dal teatro e questo ci ha aiutato, però non volevamo fare un film teatrale.

    P. Columba : Abbiamo lavorato con gli attori anche sul loro dialetto. Delle nostre esperienze teatrali ci siamo portati dietro il senso di disciplina, il rispetto del testo e l’importanza del lavoro con gli attori. Sono elementi che sicuramente mi sono tornati utili nell’affrontare questa nuova avventura cinematografica. Noi abbiamo mirato al bene del prodotto e di tutti gli attori che ci hanno lavorato.

    Come hanno lavorato gli attori ai propri personaggi ?

    C. Cellini : È vero che c’è stato un lungo lavoro di preparazione. Abbiamo portato il film a casa in poco più di venti giorni e ciò è stato possibile perché abbiamo fatto un lavoro sul copione molto impegnativo. Per quanto mi riguarda ho dovuto trasformarmi fisicamente, ma è stato un tipo di lavoro che mi ha dato tante soddisfazioni. Spesso in Italia si tende a lavorare di fretta e questo toglie molto alla possibilità di apportare al personaggio qualcosa di artistico che ci appartiene. Nel fare questo film ci ha aiutato anche il fatto di avere una location così veritiera, senza scenografie costruite. Abbiamo girato in una casolare in cui non c’era il bagno, non c’era il riscaldamento e senza nemmeno avere le roulotte fuori che ci aspettavano.

    G. Capalbo : Venendo da una realtà meridionale e da una famiglia contadina, diciamo che sono abituato alle difficoltà. A diciannove anni io ho preso la mia valigia e sono venuto a Roma a cercare fortuna. Le difficoltà al cinema sono ininfluenti rispetto a quelle della vita. Le mie origini mi hanno sempre permesso di mantenere la mia integrità e la mia dignità. Io ho lavorato con registi molto importanti come Peter Greeneway, Abel Ferrara, Mel Gibson e chiaramente ci sono dei privilegi diversi a lavorare con loro e su quei set. Ma in fin dei conti sono delle cose che hanno poca importanza. Io ho continuato a tenere i piedi per terra, anche perché dopo questi film il mercato non si è accorto di me e non ho ricevuto tante chiamate per lavorare. Il film racconta i nostri sentimenti, ed è stato un lavoro ben fatto grazie a una scrittura rigorosa.

    A. Dugoni : Io posso dire di aver amato molto il mio personaggio. Ogni volta che lo rivedo non posso far altro che commuovermi. Ho cercato di interpretare questo fratello con problemi psichici essendo più recettivo possibile, ed entrando in empatia con la situazione di una persona cha ha quel tipo di problemi.

    È facile produrre un film come questo ?

    F. Segatori : No, non è affatto facile. Dieci anni fa io ho realizzato la mia prima opera dal titolo Terra bruciata, ed è stato piuttosto complicato perché il film aveva delle scene d’azione molto spettacolari, che per quei tempi non erano facili da girare. La seconda opera, Hollywood Flies, è stata ancora più difficile. Era un film in inglese girato tra il Canada e gli Stati Uniti, c’erano otto produttori e alla fine Rai Cinema si è tirata indietro e sono rimasto da solo. In Italia, infatti, il film non è mai uscito mentre negli altri paesi è diventato un blockbuster. Queste esperienze mi sono chiaramente servite per produrre un film come questo che è il tipo di film che io vorrei vedere al cinema. Ciò è stato possibile grazie all’incontro di una società molisana di ragazzi, la Kerem, che faceva documentari e io mi sono affidato completamente a loro. Devo dire che è venuto fuori un ottimo lavoro. Poi, il problema dell’Italia oggi, e non solo nel cinema, è la politica. Questo film si è potuto fare perché noi lo abbiamo voluto fortemente e ad oggi è stato già comprato all’estero. Il film verrà infatti distribuito in alcune città degli Stati Uniti ma per il momento abbiamo voluto aspettare la distribuzione italiana. In generale, io credo che bisognerebbe creare dei meccanismi di mercato che favoriscano la produzione di film come questo.

    RispondiElimina
  2. CARI AMICI,

    VOLEVO RINGRAZIARE TUTTI COLORO CHE SONO ANDATI AL FILMSTUDIO DI ROMA A VEDERE

    LEGAMI DI SANGUE

    GRAZIE AI LORO COMMENTI POSITIVI E' NATO IL PASSAPAROLA CHE CI PERMETTE DI STARE IN SALA PER LA TERZA SETTIMANA.

    IL FILM SARA' PRESTO IN ALTRE SALE ITALIANE DEDICATE AL CINEMA DI QUALITA'.

    DAL 18 AL 20 SARA' IN MOLISE, IL 23 A VITERBO, IL 24 AD ANCONA, IN MAGGIO SAREMO A MILANO, TORINO, BARI, CATANIA, PALERMO, MATERA.

    CHI NON HA AVUTO IL TEMPO DI VEDERLO, MA CERCA UN FILM FORTE, TOCCANTE, SULL'ITALIA REALE, PUO' ANDARE AL FILMSTUDIO E PASSARE
    UNA PASQUA "CINEFILA" CON IL NOSTRO FILM.

    AUGURI

    Fabio Segatori & Paola Columba



    Su LEGAMI DI SANGUE è stato scritto:

    “Un debutto atipico, coraggioso e felice” - Gloria Satta, Il Messaggero.

    Due fratelli, un’eredità contesa, tracce di Verga e di Santis. Un esordio nel lungo interessante, coraggioso, di qualità - Giona A. Nazzaro Film Tv

    La sceneggiatura fa tesoro dei rancori per ricavarne un film piccolo ma credibile - MariaRosa Mancuso Il Foglio.

    Legami di sangue è un esperimento interessante di ritorno ad un linguaggio cinematografico arcaico a tinte forti - Paola Casella, Europa

    Un western contadino che miscela in libertà Shakespeare e Verga, melodramma e tragedia… - Angela Prudenzi Cinematografo.It

    Amore e odio viscerali in una storia di forte impatto - TV Sorrisi e canzoni

    Passioni forti, qualcosa da dire e un gruppo di attori capaci di dirlo - My Movies

    Un soggetto coraggioso e innovativo. L’opera prima di Paola Columba tiene il passo con le grandi produzioni cinematografiche
    e fornisce un esempio di come si può fare cinema di spessore anche con budget limitati - 35mm.it Paolo Filippini Lera

    RispondiElimina