Giornalismo calabrese in lutto: è morto Saro Ocera

COMUNICATO STAMPA della Federazione Nazionale Stampa Italiana - SINDACATO DEI GIORNALISTI DELLA CALABRIA - REGGIO CALABRIA

REGGIO CALABRIA - Giornalismo calabrese in lutto per la scomparsa di Saro Ocera. E’ deceduto stasera, verso le ore 19,15, all’Ospedale “Ciaccio” di Catanzaro, dove si trovava ricoverato per l’aggravarsi della malattia che, negli ultimi mesi, lo aveva costretto a rallentare notevolmente le sue attività di presidente della Commissione Ricorsi dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti e di consigliere regionale del Sindacato dei Giornalisti della Calabria.
Pubblicista dal 1962 e giornalista professionista dal 1965 era stimato ed apprezzato per la sua straordinaria preparazione giuridica in materia professionale, che ne aveva fatto un prezioso punto di riferimento nella Commissione Ricorsi che ha presieduto per quasi quindici anni. Nato a Patti, in provincia di Messina, il 3 Febbraio 1939, laureato in economia e commercio, sposato con Beatrice Sozzi, è stato capo ufficio stampa del Comune di Catanzaro e direttore di “Catanzaro Notizie”. Consigliere segretario dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria dal 1979 al 1989, anno in cui è stato eletto consigliere nazionale, era entrato a far parte della Commissione Ricorsi nel 1990. “Con la scomparsa di Saro Ocera - afferma il segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi - il giornalismo italiano perde uno dei maggiori esperti dell’evoluzione della professione giornalistica. Non a caso è lui l’autore del primo Massimario dell’Ordine dei Giornalisti che raccoglie decisioni, documenti e giurisprudenza prodotta dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Saro Ocera - sottolinea Carlo Parisi - comunque, rimarrà sempre nei nostri cuori per le sue straordinarie doti umane, la sua dirittura morale e la sua onestà intellettuale. Fervente cattolico, Saro Ocera lo ricorderemo come un giornalista galantuomo”.

REGGIO CALABRIA, 3 LUGLIO 2008

Nessun commento:

Posta un commento