25 luglio 1943. L'arresto di Mussolini ed il nuovo Governo Badoglio

Fonte: Roma Civica

Lo sbarco in Sicilia del 10 luglio esauriva le scarse possibilità che restavano all'Italia di vincere la guerra, anche se in realtà la situazione era per l'Asse già gravemente compromessa da diverso tempo: la sconfitta di El Alamein nel novembre del 1942, contemporanea allo sbarco delle forze americane in Marocco e Algeria, aveva portato alla definitiva sconfitta in Africa, e con la perdita dell'Africa, si apriva la concreta possibilità, per le forze alleate, di aprire un fronte diretto contro l'Italia, l'alleato debole della Germania.
Una situazione militare ormai allo sfascio, unita alle posizioni ormai contrarie al Duce del Fascismo della Casa Savoia, trovò uno sbocco naturale nel Gran consiglio fascista del 24 luglio, in cui - alle 3 del mattino del 25 luglio - venne approvato l'ordine del giorno Grandi (con 19 voti su 28).
Il nocciolo della proposta Grandi era la richiesta per "l'immediato ripristino di tutte le funzioni statali" e l'invito al Duce di pregare il re "affinché egli voglia, per l'onore e la salvezza della patria, assumere con l'effettivo comando delle forze armate di terra, di mare e dell'aria, secondo l'articolo 5 dello Statuto del Regno, quelle supreme iniziative di decisione che le nostre istituzioni a lui attribuiscono": al di là del contorto linguaggio politico, appariva evidente che fra le supreme iniziative del re, se c'era stata quella della guerra, poteva esserci anche quella della pace.
Fu proprio il re, che aveva un ventennio prima voluto accettare il Duce come primo ministro, a decidere che era il momento, per salvare la monarchia, di sacrificarlo: dal gennaio 1943 iniziano così le "grandi manovre" del sovrano, di cui fu messa al corrente solo una piccola cerchia di fedelissimi (anzitutto il ministro della Real Casa duca Acquarone, il capo di Stato maggiore generale Ambrosio, e poi il generale Castellano, futuro plenipotenziario italiano nelle trattative con gli alleati), che trovarono in Grandi e in Ciano (il genero del Duce) gli alleati nel Partito di cui avevano bisogno, utilizzandoli per i propri fini e probabilmente senza che questi si accorgessero del vero scopo cui servivano.
La mattina del 25 luglio il Duce accettò di recarsi dal re. Fece il suo ingresso a Villa Savoia alle 17, per il consueto colloquio settimanale; non sapeva che già in quel momento la sua scorta era sotto controllo, e duecento carabinieri circondavano l'edificio, mentre un'ambulanza della Croce Rossa era in attesa di portarlo via prigioniero. Fu il capitano dei carabinieri Giovanni Frignani ad arrestarlo.
Mussolini fu prima relegato a Ponza nella casa già occupata dal prigioniero abissino ras Immiru, e poi all'Isola della Maddalena.
Le notizie dell'arresto di Mussolini e della formazione del Governo Badoglio furono accolte in tutt'Italia con manifestazioni di giubilo; gli antifascisti e molta gente comune scese in piazza e divelse i simboli del vecchio regime, inneggiando alla democrazia e alla pace.

3 commenti:

  1. sono nato il 27 Luiglio 43....
    la mia famiglia era sfollata in campagna ...
    il nonno ha sollevato una tavola del pavimento ed ha tirato fuori una bandiera rossa con la falce ed il martello, ha anche trovato un basco rosso porpora , ha corso per tutto il paese gridando "è nato il nostro Salvatore....." infatti, nonostante i mugugni del parroco mi è stato dato il nome di Angelo Salvatore...

    RispondiElimina
  2. mio papà (vivente) all'epoca era carabiniere a Roma, alla Caserma Legione Allievi ed era presente quando mussolini fu portato, in stato di arresto, nella sua Caserma, ma questo è avvenuto nelle ore del mattino delle 25 luglio, verso le quattro del mattino - non si capisce perchè voi riportiate che Mussolini fu arrestato alle 17 dello stesso giorno . QUESTO NON CORRISPONDE A VERITA' STORICA - QUESTA E' UNA DIMOSTRAZIONE DI COME LA STORIA A VOLTE VENGA RIPORTATA IN MODO ALTERATO - E NON CONTINUO SU QUESTO SU QUESTO ARGOMENTO - CI SAREBBERO TANTE COSE DA DIRE E QUESTO SCRITTO DIVENTEREBBE LUNGO - SALUTI PAOLA DI PORDENONE

    RispondiElimina
  3. mussolini è stato arrestato nel pomeriggio a villa savoia, portato alla caserma allievi carabinieri; mio zio, oggi ultranovantenne ma ancora lucidissimo, era allora alievo carabiniere, ed era di piantone all'ufficio del colonnello della caserma, dove mussolini fu tenuto agli arresti per tre giorni prima di essere trasferito. Mio zio gli preparò la branda (l'ufficio del colonnello non era infatti attrezzato per dormire) e Mussolini lo ringraziò dicendogli "un giorno sarà ricompensato".

    RispondiElimina