Inmigrarte, iniziativa di un aiellese in Spagna

Si chiama Inmigrarte, de la angustia a la expresiòn, un progetto dell’Associazione spagnola Codigo Libre di cui è animatore l’aiellese Alfredito Aloisio.

Aloisio - che la passione per il fenomeno dell’emigrazione l’ha ereditata dal padre Nando, responsabile dell’Inca Cgil per l’America Latina e organizzatore nel 1975 della prima conferenza internazionale sul tema – vive e lavora come ricercatore dell’Università a Barcellona in Spagna, una tra le mete – nella misura del 14% - dell’emigrazione italiana nel mondo che in terra iberica conta attualmente più di 60 mila unità. L’associazione che Aloisio gestisce assieme ad altri è impegnata da anni nel sociale, e questa volta ha voluto promuovere proprio sul fenomeno migratorio una interessante raccolta di esperienze. L’iniziativa – i cui dettagli si possono consultare sul blog http://codigo-libre.blogspot.com - consiste nello scrivere, in non più di tre pagine, esperienze di immigrazione, sia che si tratti di esperienze di persone immigrate, che di persone del luogo che li accoglie.

Le tematiche affrontate nelle storie raccolte – come motivazioni personali che hanno determinato la scelta di emigrare; aspettative e illusioni, difficoltà di integrazione, risvolti psicologici per la separazione dal gruppo familiare, relazioni con la cultura del luogo, e con amici, colleghi di lavoro ecc. - saranno utilizzate come fonte di ispirazione per diverse forme artistiche, come teatro, fotografia, musica e danza, arti visuali e cortometraggi.

Nessun commento:

Posta un commento