Scompare a Roma, all'età di 84 anni, dopo lunga malattia, la coraggiosa giornalista Adele Cambria

Gaetanina Sicari Ruffo
Era nata a Reggio Calabria nel 1931 la giornalista e scrittrice Adele Cambria che ora ci ha lasciato. Apprendiamo la notizia con grande rammarico.
Era solita venire spesso nella sua città ed incontrare i suoi lettori ed intrattenerli con il suo dire garbato ed autorevole. Mancava da qualche tempo, perché ammalata. La seguivo e l'ammiravo. Ultimamente le avevo donato un mio libro che parlava della causa delle donne. Era questo il motivo che ci legava nella necessità di risolvere tanti annosi problemi.
Lei era più avanti di tutte noi.
Rappresentava il movimento femminista che ha sostenuto tante dure battaglie in questo nostro tempo. In particolare s'era spesa a livello nazionale ed internazionale, amica di Camilla Cederna e Oriana Fallaci. Ha impersonato il giornalismo femminile ribelle che vorrebbe cambiare il volto di questa nazione, migliorando la condizione delle donne e indirizzandole nella via d'un progresso solidale.
È stata a lungo nel partito di Pannella e nella sinistra progressista ed ha diretto il giornale “Effe” per parlare continuamente di Lotta continua cui aveva aderito con Adriano Sofri.
Autrice di libri di narrativa e saggistica, ha pure lavorato per testi di teatro, fondando a Roma il teatro “La Maddalena”. Ha collaborato e recitato per P. P. Pasolini, a suo tempo, in tre film: Accattone, Comizi d'amore e Teorema.
Con lei non finisce l'epoca delle battaglie femminili, che dovrebbe rinnovarsi per essere maggiormente responsabile e significativo, perché il traguardo è ancora lontano.

Nessun commento:

Posta un commento