Lettere dal centro del mondo

di Gaetanina Sicari Ruffo

Rubbettino dà alle stampe un carteggio tra gli scrittori Sciascia e La Cava, durato circa trent'anni, dal 1951 all'88.
E' contenuto nel  libro: Lettere dal centro del mondo di Milly Curcio e Luigi Tassoni (pp. 492, euro 17), storicamente ed umanamente importante perché fa capire l'intensità di una amicizia e le difficoltà di due autori del Sud.
Sono circa trecento scambi epistolari, cominciati con il ringraziamento di Leonardo Sciascia per il libro recapitatogli da La Cava: Caratteri, edito da Lemonnier. Risalgono al tempo in cui Sciascia era maestro elementare, prima di abbandonare l'insegnamento per la letteratura e l'attività politica. Gli argomenti trattati sono vari, l'isolamento provinciale prima di tutto interrotto da brevi visite nella capitale, la difficoltà di reperire case editrici credibili  e i problemi ambientali e familiari. Sciascia confessa di ritirarsi spesso in campagna dove trova l'ambiente ideale per leggere e comporre le sue opere.

Nessun commento:

Posta un commento