Premio “Francesco Graziano” 2017 - VI Edizione Bando di partecipazione



L’associazione ilfilorosso, che da tre decenni svolge un’intensa attività di promozione culturale attraverso l’omonima rivista, incontri, convegni, pubblicazioni di volumi e mostre organizza per il sesto anno consecutivo un premio nazionale dedicato al suo ideatore e fondatore Francesco Graziano.
Lo scopo del concorso è di dare voce a poeti e narratori offrendo loro “carta-imbarcazione e filo per comunicare” e creando altresì occasioni di incontro, studio e riflessione nelle varie manifestazioni che accompagneranno la cerimonia di premiazione dei vincitori che si svolgerà a Cosenza nel mese di giugno p.v.
Francesco Graziano (1949-2009), docente di italiano nei licei, instancabile animatore culturale, poeta e critico calabrese ha pubblicato saggi su Montale, Moravia, Pea, Roversi, Saba, Celati, La Cava, Seminara etc. Sue poesie sono apparse su “La tartana degli influssi” (Bologna), “Incontri 2000” (Bologna), “Rendiconti” (Bologna), etc. Ha pubblicato nei “Quaderni de ilfilorosso” la raccolta di versi Nasse del Sud (2002) con prefazione e traduzione in inglese di Annalisa Saccà; presso Rubbettino Editore, il poema progressivo Cronache di anni d’abisso e di vento, con prefazione di Roberto Roversi. Dopo la sua scomparsa, gli amici bolognesi hanno dato alla stampa l’ultimo lavoro a cui si stava dedicando dal titolo Dentro il libro dei giorni con la revisione e la prefazione di Roberto Roversi, per i tipi della Pendragon editrice di Bologna.
Il premio, che registra in ciascuna edizione un numero sempre maggiore e qualificato di partecipanti provenienti da tutto il territorio nazionale, ha una giuria d’eccezione presieduta da Annalisa Saccà, docente di letteratura italiana presso la St. John’s University di New York, ed è composta da: Luigina Guarasci, direttore de ilfilorosso di Cosenza, Vincenzo Ferraro, dirigente scolastico e critico letterario di Cosenza, Salvatore Jemma, poeta e saggista di Bologna, Maria Lenti, poeta e saggista di Urbino, Giuseppe Sassano, docente e promotore culturale di Cosenza, Mariangela Chiarello, segretario del premio di Cosenza.
l premio si articola in quattro sezioni:
Sezione A: Poesia edita in lingua italiana: si partecipa inviando una raccolta edita di poesie.
Sezione B: Raccolta inedita in lingua italiana: si partecipa inviando una raccolta inedita di poesie non inferiore a 200 versi.
Sezione C: Poesia inedita a tema libero in lingua italiana: si partecipa inviando una sola poesia inedita, che costituisca un momento significativo nel percorso letterario dell’autore.
Sezione D: Narrativa breve a tema libero in lingua italiana: si partecipa inviando un solo racconto breve inedito, senza nessun vincolo di contenuto. La prosa può appartenere a generi diversi: racconto, fiaba, dialogo, lettera ed ogni altra forma di narrazione. Il testo non dovrà superare le 10.000 battute (4 cartelle, spazi compresi).
Data ultima per l’invio delle opere è il 30 Aprile 2017.
L’invio delle opere può essere effettuato avvalendosi di una delle seguenti modalità:
Spedizione postale, in un’unica busta regolarmente affrancata e indirizzata a: Associazione Culturale ilfilorosso-Premio nazionale di poesia c/o Gina Guarasci Graziano, Via Dalmazia 11, 87100 Cosenza.
Ogni opera deve essere inviata in sei copie, di cui una con i dati dell’autore (nome, cognome, indirizzo, numero telefonico, eventuale indirizzo e-mail, sezione di partecipazione).
In caso di partecipazione a più sezioni è possibile effettuare la spedizione in un’unica busta, indicando con chiarezza a quale sezione ogni opera viene associata.
- Spedizione elettronica, con un’unica mail all’indirizzo premiograziano@gmail.com, a cui va allegato un file in formato word o pdf contenente le opere, in unica copia, unitamente ai dati dell’autore.
La duplicazione sarà a cura della Segreteria, che renderà anonime le copie per la Giuria.
Ogni opera deve essere dattiloscritta o digitata al computer.
Per le opere inedite occorre indicare l’annotazione autografa:
“Dichiaro che i testi poetici presentati sono di mia produzione”.
Le quote di partecipazione (spese di segreteria) per ciascuna sezione sono:
Sezione A: Poesia edita in lingua italiana: euro 20.
Sezione B: Raccolta inedita in lingua italiana: euro 20;
Sezione C: Poesia inedita a tema libero in lingua italiana: euro 10;
Sezione D: Narrativa breve a tema libero in lingua italiana: euro 10.
È ammessa la partecipazione a tutte le sezioni, previo versamento delle rispettive quote.
Il versamento delle quote di partecipazione va effettuato in uno dei seguenti modi:
Bonifico bancario: codice IBAN IT18 I076 0116 2000 0001 2040 879  intestato a Associazione culturale ilfilorosso Via Marinella n° 4, 87054 Rogliano(Cs), riportando come causale: Contributo di partecipazione Premio Graziano.
Versamento su Conto Corrente Postale al numero 12040879 intestato a Associazione culturale ilfilorosso Via Marinella n° 4, 87054 Rogliano(Cs), riportando come causale: Contributo di partecipazione Premio Graziano.
La comunicazione degli esiti del concorso sarà inviata, unitamente all’invito a partecipare alla cerimonia di premiazione, a tutti i concorrenti all’indirizzo di posta elettronica da loro indicato.
Gli esiti saranno comunque pubblicati anche sul sito de ilfilorosso www.ilfilorosso.it, nella sezione dedicata al premio.
I premi dovranno essere ritirati direttamente dagli interessati o da persone da loro delegate, eccezion fatta per i premi in denaro per i quali è obbligatoria la presenza dell’autore. In caso contrario si perde qualsiasi diritto.

I premi assegnati sono i seguenti:

Sezione A: Poesia edita in lingua italiana:
Primo premio:  euro 300; diploma di merito con valutazione della giuria; abbonamento annuale alla rivistailfilorosso;
Secondo premio: euro 200; diploma di merito con valutazione della giuria; abbonamento annuale alla rivistailfilorosso;
Terzo premio: euro 100; diploma di merito con valutazione della giuria; abbonamento annuale alla rivistailfilorosso.

Sezione B: Raccolta inedita in lingua italiana: la silloge che risulterà vincitrice verrà pubblicata gratuitamente dailfilorosso editore e l’autore ne riceverà in omaggio 30 copie.
Il volume, dotato di codice ISBN proprio, con fogli da 100 gr e copertina da 300 gr, verrà inserito nel catalogo deilfilorosso editore che provvederà anche alla prima presentazione.

Sezione C: Poesia inedita a tema libero in lingua italiana:
Primo premio: euro 150; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita sull’antologia di poesie dedicata al premio  “F. Graziano”, edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivista ilfilorosso;
Secondo premio: euro 100; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita sull’antologia di poesie dedicata al premio “F. Graziano”edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivista ilfilorosso;
Terzo premio: manufatto artistico; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita sull’antologia di poesie dedicata al premio “F. Graziano” edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivistailfilorosso.
L’antologia di poesia dedicata al  premio “F. Graziano” edita da ilfilorosso editore conterrà la poesia dell’autore vincitore e quelle degli autori finalisti e segnalati dalla giuria. Il volume avrà le seguenti caratteristiche: codice ISBN proprio, con fogli da 100 gr e copertina da 300 gr e sarà disponibile nel corso della cerimonia di premiazione al prezzo di copertina.

Sezione D: Narrativa breve a tema libero in lingua italiana:
Primo premio: euro 150; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita in un’antologia di racconti dedicata al premio  “F. Graziano”, edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivistailfilorosso;
Secondo premio: euro 100; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita in un’antologia di racconti dedicata al premio  “F. Graziano”, edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivista ilfilorosso;
Terzo premio: manufatto artistico; diploma di merito con valutazione della giuria; pubblicazione gratuita in un’antologia di racconti dedicata al premio  “F. Graziano”, edita da ilfilorosso editore; abbonamento annuale alla rivista ilfilorosso;

L’antologia di racconti dedicata al  premio “F. Graziano” edita da ilfilorosso editore conterrà la prosa dell’autore vincitore e quelle degli autori finalisti e segnalati dalla giuria. Il volume avrà le seguenti caratteristiche: codice ISBN proprio, con fogli da 100 gr e copertina da 300 gr e sarà disponibile nel corso della cerimonia di premiazione al prezzo di copertina.

Per informazioni:
Scrivere all’indirizzo premiograziano@gmail.com oppure telefonare al 340 6105021.

La tredicesima tavola... dei pingomorfi. Terza fatica letteraria di Bruno Bertolini



L’innocente sapienza di una tavola didattica per l’insegnamento dell’evoluzione biologica nasconde terribili segreti, dalle prove di un grave falso scientifico alla formula per la produzione di un potentissimo esplosivo.
La decisione di pubblicare in un grande libro illustrato le bellissime tavole zoologiche ottocentesche, alla cui serie appartiene questa tredicesima tavola – apparentemente scomparsa da tutte le università e le biblioteche del mondo – e la ricerca che ne fa uno dei redattori del libro, s’intreccia con vecchie storie di difesa a ogni costo di una carriera accademica, di spionaggio, di amore e di gelosia. Storie che si concludono con assassinii, ricatti, incendi e battaglie navali...
E' la sinossi del romanzo "La tredicesima tavola", terza fatica letteraria di Bruno Bertolini, che arriva in libreria dal 22 marzo

BRUNO BERTOLINI ha insegnato biologia cellulare e anatomia comparata nell’Università La Sapienza di Roma, e si è dedicato anche alla sperimentazione didattica e alla formazione degli insegnanti. Fino a qualche tempo fa era impegnato pressoché esclusivamente nella stesura di testi legati alla sua attività professionale. Ha già pubblicato, presso Carabba editore di Lanciano, due romanzi: Mai esistito (2014) e L’invenzione dell’ombrello (2015).

http://www.unilibro.it/libro/bertolini-bruno/la-tredicesima-tavola/9788863444483


Derek Walcott, il poeta che era tutti e nessuno, come Ulisse



di Carmelina Sicari - Direttrice di Calabria Sconosciuta
Sì, ho conosciuto personalmente il grande poeta dei Caraibi morto il fatale 17 marzo del 2017, Derek Walcott, ad uno dei festival poetici in cui presentava la sua poesia pubblicata da Adelphi. Nobel per la poesia appunto nel 1992, era stato definito l'Omero contemporaneo. Aveva scritto un poema il cui titolo era Omero ma aveva di Ulisse la passione per il mare e lo spirito di avventura di un navigatore instancabile tra le ascendenze culturali dei vari popoli. Soleva dire per la sua lingua innovativa e straordinaria che era un nero ma anche un inglese, un americano. Era tutti insomma e nessuno proprio come Ulisse. Nell'incontro non si atteggiò ad ulisside né tanto meno ad Omero. Ma il suo amore per il mare, la sua lingua composita che assumeva le radici di molteplici linguaggi lo definivano subito non solo come poeta ma anche come uomo dalla straordinaria esperienza. Polutlas proprio come Omero definisce Ulisse. Sappiamo che la poesia è metafora ed analogia e che il gioco allusivo del poeta è quello di includere il lettore nella scoperta del significato della prima la metafora, come della seconda, l'analogia. Lector in fabula. Un gioco a nascondino quasi. Walcott è maestro in questo gioco e la molteplicità delle sue metafore e delle analogie è pari alla molteplicità del linguaggio, alla sua pluralità in cui tutti i lettori possono ritrovarsi.

Se alla luce delle cose tu scoloricome la luna lasciata accesatutta la notte tra le foglie,possa tu invisibilmente allietare questa casa,o stella, doppiamente compassionevole.
Venuta troppo presto per il crepuscolo,
troppo tardi per l'alba.
Si osservi il contrasto luce-scolori oppure le corrispondenze finali presto-crepuscolo, tardi-alba, le celebri corrispondenze di cui parlava il grande Baudelaire. Non vorrei, con una punta di civetteria, dire troppo perché sarebbe sempre troppo poco e toglierebbe all'intelligenza del lettore, il piacere del disvelamento. Quindi un'altra sola citazione, quella che sembra contenere il presagio della fine.

Tempo verrà in cui saluterai te stessoarrivato alla tua porta.Amerai di nuovo lo specchio che era il tuo io.

E qui risentiamo echi di John Donne, della Dickinson, della grande letteratura anglo-americana e ci sentiamo esaltati alla potenza sincretica di questa lingua di una grandissima poesia.