Appunti sparsi


Spazio, alternativo a facebook (che prima o poi vorrei abbandonare, tenendo solo le pagine...), spazio dove scrivere post come tweet o anche più lunghi...

9 commenti:

  1. L'idea di fondo di #jamuacaminare, gruppo estemporaneo di amici che a piedi vogliono scoprire il proprio territorio, è quello di camminare le terre di Temesa e come aghi e fili in carne ed ossa, unire i vari paesi, le varie contrade, imparando a conoscere dove vivevano i nostri nonni e nel contempo intessere rapporti, facendo nuove amici, che condividono il comune amore per il nostro patrimonio storico, culturale artistico e soprattutto naturale. Per riuscire nell'intento, bisogna perseguire una sorta di entropia, ovvero uno scambio reciproco.
    Bruno Pino
    www.jamuacaminare.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Posto una questione che di solito metto in gruppo, per non connotarla geograficamente, che serve solo ad evidenziare come le regole vadano rispettate. Ebbene: le convocazioni delle sedute di Consiglio comunale e di conseguenza gli atti adottati, per avere valore legale, vanno pubblicate sull'Albo pretorio online. Ovvero, se c'è in programma una seduta lo devono sapere i Cittadini e non solo i consiglieri. Se per esempio, ci fosse stato un consiglio comunale, e non fosse stata la seduta adeguatamente pubblicizzata sul sito dell'ente interessato, le delibere approvate non valgono, o non dovrebbero valere nulla. Pertanto, gli atti amministrativi emessi da una amministrazione comunale - se in violazione della Legge 69 del 2009 - sono o dovrebbero essere nulli. Se c'è qualcuno che ci può spiegare meglio, se ci può dire che invece non è così, ne prenderemo atto. Viva la SacherTorte!!!

    RispondiElimina
  3. Giornate Nazionali dei Castelli 2017. In #Calabria in programma per il #14maggio2017 visita del #castello di #Cleto.
    http://www.istitutoitalianocastelli.it/gnc2017/215-gnc-2017-calabria.html …

    RispondiElimina
  4. Stamattina, davanti ad una clinica cittadina, il 92% dei familiari che aspettavano che terminassero le operazioni chirurgiche a cui si erano sottoposti i loro congiunti, fumava come e peggio di turchi (mi hanno 'mpestato anche all'aria aperta). In futuro, se costoro non vogliono essere aspettati a loro volta con siffate abitudini poco salutari, sarebbe opportuno smettere adesso. Anche perché, ce lo siamo dimenticati forse, c'è una legge che vieta di fumare nelle pertinenze esterne di scuole, ospedali ecc. Firmato un ex fumatore pentitissimo.

    RispondiElimina
  5. “Più veniamo disturbati e più desideriamo essere distratti. Dovrebbe essere il contrario, ma spesso non è così. Si entra nel loop indotto da un neurotrasmettitore, la dopamina, il motore del desiderio, della ricerca, degli appetiti. Non sappiamo quando arriverà una mail o un messaggio, e allora controlliamo febbrilmente il telefono quasi con la medesima frequenza con cui abbassiamo la leva di una slot-machine, sempre a caccia di qualcosa che ci dia soddisfazione”.

    Erling Kagge, Il silenzio, Einaudi 2016
    Risposta 9, pag. 32

    RispondiElimina
  6. Come capita a molti, credo, usando facebook o essendo usati da questo social, siamo presi dalla smania di sapere tutto di tutti. Ho appreso, leggendo un libro, che si chiama "Fomo" ovvero Fear Of Missing Out, la paura di perdersi qualcosa. L'autore del libro (Kagge, Il Silenzio), un esploratore norvegese, ricorda un suo viaggio durato molti mesi. "Appena tornato a casa - scrive -, mi buttai su giornali e notiziari così come ero solito fare prima della partenza. Con mia grande sorpresa - confessa -, mi resi conto che sui quotidiani e nei dibattiti si parlava perlopiù degli stessi temi all'ordine del giorno l'autunno precedente, prima che prendessimo il largo. I politici discutevano bene o male delle stesse cose...".

    RispondiElimina
  7. "Gli scrittori sanno una cosa che le altre persone non ignorano: la parte più difficile non sta nello scrivere un libro, quanto nel mettersi a sedere, raccogliere le idee e iniziare".
    Kagge, Il Silenzio

    RispondiElimina
  8. Il Governo ha approvato il decreto che rende obbligatori 12 vaccini, perché ci tiene alla salute dei bambini e dei propri cittadini. Per i genitori che non sottoporranno i figli alle vaccinazioni, addirittura, è prevista la perdita della patria potestà. La prevenzione primaria, dunque, è importante per il Governo. Ci tiene assai. Si vede.
    Una riflessione allora mi viene spontanea. Non è del pari importante, oltre alla profilassi dei vaccini, anche quella della salubrità dell'ambiente in cui viviamo? Se è così, e non può non essere così, l'eliminazione dei fattori di rischio è prioritaria. Se da una parte il Governo obbliga i nostri figli a vaccinarsi (penso per esempio contro malattie come il morbillo che ai miei tempi abbiamo avuto tutti), dovrebbe essere obbligatorio - pena anche per i decisori politici la perdita della patria potestà - effettuare le bonifiche dei territori che sono inquinati (per quanto mi riguarda, ricordo le navi dei veleni, la Valle Oliva, ecc.). Non è forse importante preservare la salute dei propri cittadini da malattie come il cancro? Sì che lo è.
    A proposito di questa malattia. Perchè non si rende obbligatorio anche il test Iset che serve ad identificare con anni di anticipo nel sangue periferico eventuali “Cellule Cancerose Circolanti” e quindi scoprire un tumore anche anni prima che si possa vedere con i classici strumenti diagnostici???

    RispondiElimina
  9. "Essere in cammino dà quasi sempre più soddisfazione che non arrivare a destinazione".
    E. Kagge
    #jamuacaminare

    RispondiElimina