La giornata della memoria

Oggi ricorre la tristissima data del ricordo dell'Olocausto e nuove nubi si addensano sui negazionisti. Esiste una proposta di legge, n.54, che l'aula di palazzo Madama ha inserito nel calendario dei lavori per la prossima settimana. Prevede la reclusione fino a tre anni per chi neghi crimini di guerra evidenti e contro l'umanità secondo il dettato della Carta penale internazionale dell'Aia.
Già una ventina di paesi tra cui la Svizzera, il Belgio, la Polonia, l'Austria, Israele, Argentina hanno preso provvedimenti contro questi mistificatori, pur senza arrivare alla condanna penale.
Non tutti però sono d'accordo su questa decisione. La discussione forse va riportata sul piano storico ed ideologico non su quello politico e giudiziario.
I motivi del negazionismo sono da condannare perché anacronistici e di parte. Conviene ignorare o negare a chi nutre ancora odio e risentimento come se niente sia accaduto di anormale, quando le testimonianze dei fatti sono sotto gli occhi di tutti.

Nessun commento:

Posta un commento