Archivistica. Recuperato patrimonio documentale, donato all'Icsaic


Il prossimo mercoledì 9 ottobre, alle ore 10,30, presso l’Archivio di Stato di Cosenza, sarà presentato alla stampa il Fondo Familiare Privato “Pietro Campoliti – Giuseppina Lo Bello” di Siderno. Si tratta di un patrimonio documentale che rischiava di andare perduto, visto il recupero accidentale dell’archivio rinvenuto nei pressi del letto di un fiume e consegnato all’Istituto calabrese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea (Icsaic) al fine di garantirne la conservazione e la fruizione pubblica.

Ordinato dall’Archivio di Stato di Cosenza, con la collaborazione dalla Sezione di Castrovillari, il fondo contiene una serie di preziosi documenti sulla storia amministrativa della famiglia, tra le più importanti della Locride, tra cui testamenti, atti notarili, sentenze civili, perizie, quaderni e registri di contabilità relativamente al periodo 1876-1955. Particolarmente interessante è la corrispondenza epistolare che dà contezza del vasto patrimonio terriero e testimonia il ruolo di primo piano dei Campoliti – Lo Bello nell’ambito della vita economica e sociale di Siderno, Riace e Ardore. 
Con la direttrice dell’Archivio di Stato, dott. Anna Maria Letizia Fazio, alla conferenza stampa saranno presenti Pantaleone Sergi, presidente dell’Icsaic, il direttore Giuseppe Masi, il professore Vittorio Cappelli e membri del comitato scientifico e del consiglio direttivo.

Nessun commento:

Posta un commento